giovedì 30 settembre 2010

Light muffins integrali alle more

Spesso mi capita di seguire il progamma di Csaba Dalla Zorza su Alice, il canale di Sky dedicato interamente alla cucina. Il mondo di Csaba, un angolo dedicato al bon ton a tavola con qualche suggerimento interessante e molto facile di preparazione per stupire i commensali.
Beh, pochi giorni fa mi sono imbattuta in questi muffins...e vi dirò, mi hanno incuriosito molto, così ho preso nota degli ingredienti...e li ho preparati per colazione.
Ho aggiunto alla ricetta originale, la parolina light in quanto all'assaggio mi sono resa conto che la mancanza di burro e di zucchero raffinato si sente....ma forse è un bene, ogni tanto stare à regime, non è poi così male...in previsione soprattutto dell'inverno, dove i chiletti aumentano.
Altra modifica, la frutta, ho sostituito le more ai lamponi.
Adesso per voi, la ricetta.


mercoledì 29 settembre 2010

Pasticciotti a modo mio

Devo confessarvi una cosa. Mi trovo a Sorrento, precisamente a Nerano, Marina del Cantone. Sono qui per il matrimonio di un'amica speciale. Un clima ideale, un mare unico, un periodo perfetto per festeggiare. Sono strane sensazioni quelle che si provano, vedendo un'amica camminare con un abito bianco verso l'altare e subito dopo vederla piangere di gioia, accanto al suo sogno che si realizza. La stessa amica con la quale hai condiviso momenti adolescenziali ridicoli, divertenti e infantili, prime esperienze di vita e d'amore, scambi di vestiti orribili, risate isteriche e notti insonni.
Sono felice per lei, e ancora emozionata da ieri.
Poco prima di partire avevo preparato questi pasticciotti un pò diversi dal solito.
Nostalgia del Salento o nostalgia del mare?
Oggi, di fronte al golfo di Napoli, posso dirvi che era nostalgia del mare.

martedì 28 settembre 2010

Crumble romantico alle zucchine e pancetta

Buongiorno ragazzi e ben alzati. Sicuramente c'è chi di voi sarà in macchina direzione lavoro, chi sarà già in ufficio, all'università o chi come me, è ancora a casa a sorseggiare un caffèlatte caldo (vista la temperatura esterna) e diciamolo, siamo i più fortunati o no? Beh, sta di fatto che la mia ricetta di oggi la dedico a tutti voi, che di cibo ve ne intendete, che amate stupire e sorprendere con il cibo, che amate creare e inventare con il cibo, che amate viaggiare per il cibo. Questo mi piace, mi piace pensare che ci accomuna questo desiderio. Mi piace sapere che nonostante ognuno di noi, foodbloggers e non, sia diverso dall'altro, c'è qualcosa che ci lega: il potere del cibo.
Ci pensate mai? Non trovate sia splendido? Sarà che io sono una romantica estinta e il cibo è una di quelle cose che mi commuove come un film d'amore o una coppia di anziani signori che si tengono per mano ma trovo davvero poetico vedere e leggere di quanta gente ama il cibo, si dedica ad esso, ne fa parte integrante della vita. Come noi foodbloggers, nati un giorno per caso su questi schermi ma non per caso che siamo ancora qui, ogni giorno con la stessa voglia e la stessa intensità del primo giorno. Almeno per Angela, per Chiara è così.

lunedì 27 settembre 2010

Sugarpaste - Prova nr. 1

Non esiste blog che non provi questa benedetta S U G A R P A S T E! Cosa sarà mai?
Una splendida copertura (esteticamente divina) per le vostre torte, una sorta di glassa più compatta, una magica pasta con la quale bravissime amiche blogger creano incredibili decorazioni.
Un esempio?  Francesca, moglie di un concorrente di Cuochi e Fiamme ed eccellente creatrice di questi capolavori.
Ok, io ci ho provato. Ok, andavo di fretta. Ok, accettasi lezioni di sugarpaste.
(però è carina dai...)


domenica 26 settembre 2010

Soffici al limone per augurarvi una buona domenica

Buon risveglio a tutti ragazzi.
Come sarà la vostra domenica? Gite fuori porta, fiere (visto che siamo nel periodo più ricco), pranzi in famiglia, passeggiate in centro, lavoretti in casa o riposo più assoluto? Beh, solitamente la domenica italiana è questa e mi piace, mi fa sorridere vedere la calma che caratterizza questo ultimo giorno della settimana, il lento trascorrere delle ore, all'uscita dalla chiesa in direzione pasticceria per concedersi una dolce coccola domenicale o magari sosta al bar preferito a bere un campari con gli amici aspettando di andare tutti a pranzo dai nonni.
Visti gli ultimi week-end sempre in giro, oggi mi concedo una classica domenica trevigiana con la mia famiglia. E a parte dedicare un pò di tempo a voi questa mattina con i miei dolcetti al limone, dedicarmi alla casa, andremo a pranzo dai nonni paterni con i bimbi, passeremo lì ore liete e spensierate e poi chissà, magari nel pomeriggio, se non piove, si fa un giretto al mercatino dell'antiquariato che c'è ogni ultima domenica del mese, a Treviso. Il bello dell domenica è proprio questo: il dolce e lento vagar per luoghi che amiamo con persone che amiamo.
La mia ricetta di oggi non poteva quindi non essere dolce. Un piccolo, dolce e soffice muffin al limone e granella di zucchero per voi, per augurare a tutti voi, una dolce domenica.

sabato 25 settembre 2010

Taste of Milano tra saper cucinare e saper comunicare.

Paccheri farciti di stoccafisso mantecato, pesto di rucola e raspatura lodigiana.
E' da qui che voglio partire per raccontarvi il mio Taste of Milano. Visto con gli occhi di una food blogger, ma soprattutto con gli occhi di una ex "comunicatrice aziendale". Una che crede nell'equilibrio dato da forma e sostanza. Un equilibrio che sono andata a cercare, a Milano, tra stand "fieristici" poco invitanti e "chef di altissimo livello" nel panorama Milanese.

Ma la question è: cosa si intende per chef di altissimo livello? Parliamo di stellati Michelin, di giovani astri nascenti nel mondo della cucina, parliamo di innovatori geniali o di mode milanesi del momento?
Parliamo di tutto questo, al Taste of Milano.



Treccine morbide morbide per colazione

Queste treccine con la marmellata o con la Nutella o con qualsivoglia intruglio mattutino, sono deliziose. Morbide, dolci al punto giusto, profumate e invitanti. Hanno quell'odore che dovrebbero avere tutti i prodotti da colazione. Adoro i lievitati, fosse per me aprirei un forno domani pomeriggio, ma sarebbe un fallimento visto la mia terribile golosità. E allora, oggi, per colazione, mi coccolo così.

Un consiglio per chi vuole stare leggero. Mangiatele vuote, sono divine.

venerdì 24 settembre 2010

Pancakes a colazione!



Questa mattina mi sono concessa una colazione più ricca, più dolce...senza eccedere troppo ma con un gusto in più.
E cosa c'è di più particolare dei pancakes? la colazione americana per eccellenza. Americana si, ma non solo. Oggi vi propongo una ricetta scozzese, una crepe più spessa e più dolce (Trish docet)
Essendomi svegliata prestino, avevo voglia di preparare qualcosa di speciale per i miei uomini e così...latte, farina, zucchero e uova e voilà la più classica delle delizie mattutine.
Risultato? sono piaciute molto...piatto già vuoto, ore 7,50!

Ingredienti: per 8 pancakes
120 gr di farina
1 uovo sbattuto
150 ml di latte
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 cucchiaino di zucchero di canna
burro fuso per la cottura


giovedì 23 settembre 2010

Verze, Wurstel e aria di Oktoberfest.


Siamo nei giorni dell'Oktoberfest e questo piatto mi sembrava particolarmente adatto all'occasione.
Purtroppo tra Taste of Milano, ritorno a Surriento per motivi personali e vendemmia a Capri, sarà impossibile partecipare. Anche se quest'anno un giretto a Munich l'avrei fatto volentieri. Da pessima bevitrice di birra, ho deciso che voglio imparare pian piano a scoprire questo mondo. Sono una sommelier WineAddicted che ha ancora molto da imparare a proposito di malto d'orzo...
Intanto una ricetta da abbinare ad una buona birra. Per voi.


mercoledì 22 settembre 2010

Girelle di panbrioche alla barbabietola e provola dolce


Il rosa è un colore femminile, romantico e che amo molto...nonostante abbia avuto due maschi quindi di cose rosa in casa non ce ne sono tante, a parte le mie.
Era quindi ovvio per me ( Chiara mi ha lasciato carta bianca) partecipare al contest di Aurore tutto rosa e visto che non ho bimbe che girano per casa ma due super eroi con tanto di spade e razzi laser, non potevo proporre una torta con la glassa rosa o la foto di un piattino rosa. Così mi è balenata l'idea di una ricetta a base di barbabietola rossa che amalgamata ad impasti o creme, assume il colore che stavo cercando. E quello con cui Aurore ha inaugurato il suo contest.

E allora eccovi subito gli ingredienti:
550 gr di farina 0
250 gr di latte tiepido
1 cubetto di lievito di birra
60 gr di olio d'oliva
10 gr di sale
10 gr di zucchero
1 uovo
Provola in cubetti q.b.
barbabietola rossa (già lessata) q.b.
1 tuorlo per spennellare

Preparazione:
In una ciotola grande, verso la farina e un pò alla volta aggiungo il latte tiepido e il lievito di birra che ho precedentemente fatto sciogliere in un pò di latte tiepido. Amalgamo gli ingredienti con un cucchiaio di legno. Aggiungo l'olio a filo,il sale, lo zucchero e l'uovo intero. Inizio ad impastare bene con le mani fino a creare una pasta lucida, compatta e gommosa.
Lascio lievitare per 2 ore in luogo tiepido, fino a quando il volume dell'impasto non sarà raddoppiato.
A questo punto con il mattarello creo una sfoglia quadrata su cui vado ad adagiare la provola a cubetti e la barbabietola tagliata in piccoli pezzi. Con delicalezza chiudo a cilindro la pasta e taglio a fettine. Si formeranno delle girelle che vado a posizionare su una teglia rivestita di carta forno.
In forno caldo per 25 minuti a 180°.


Con questa ricettina partecipiamo al contest La cuisine en rose del blog Biscottirosaetrelalà.

martedì 21 settembre 2010

Un classico. Il tortino dal cuore ...


Finitelo voi il titolo. Il dolce in assoluto più visto e rivisto, dal baretto poco fornito (ma ... "abbiamo il tortino dal cuore caldo") allo stellato michelin. E' il classico con il quale non si sbaglia mai. Facile da preparare, con solo qualche accortezza nella cottura, e comodissimo da tenere in freezer e sfornare al momento giusto.
Sinceramente ne ho assaggiati tanti e forse troppi e così, nonostante il mio amore sconfinato per la chocolat, questo lo lascio a voi. Un cadeau di buon inizio giornata.

Ingredienti:
100 gr cioccolato extra fondente
80 gr burro salato
80 gr zucchero a velo
20 gr farina
2 uova intere
pizzico di sale

Sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente con il burro e lasciate raffreddare.
A parte sbattete le uova con il sale e incorporatele al cioccolato, dopo aver inserito lo zucchero setacciato.
Unite infine la farina, mescolando delicatamente con un mestolo di legno.
Prendete ora 4 stampini di alluminio che avrete precedentamente imburrato, infarinato e messo in freezer. Versate il composto, richiedete bene con la carta di alluminio e riponete in freezer fino all'utilizzo.
- Se li tenete circa 2/3 ore, il tempo di cottura è di circa 8-10 minuti, altrimenti se, come me li lasciate la notte intera, infornate a 200° per 2o minuti. Controllate bene, quando si sta gonfiando la parte superiore...sono pronti! -

Il sommelier consiglia: Cantine Florio, Annur Vino Liquoroso

lunedì 20 settembre 2010

Filetto di maiale con ananas caramellata al gewurstraminer



A quest'ora della mattina, sentir parlare di carne forse non vi sfagiola più di tanto, preferireste un dolcino o un biscottino. Ma vi assicuro che fra qualche ora cambierete idea...La dolcezza dell'ananas e della carne di maiale insieme creano un connubio di sapori in bocca a cui non potrete dire di no.
E' una ricetta molto semplice nell'esecuzione ma che vi darà molte soddisfazioni con i vostri ospiti. Provate per credere.
E poi lo sapete, io la frutta la metterei davvero ovunque, ma mai a caso, ogni abbinamento è studiato, provato, assaggiato, capito e amato prima che io possa dar vita ad una nuova ricetta. Questo è amore in cucina. Non siete d'accordo?

Ingredienti: per 4 persone
4 filetti di lonza di maiale
1 ananas fresco
100 gr di burro
sale q.b.
1 cucchiaino di zucchero di canna
1/2 bicchiere di Gewurstaminer

Preparazione:
Per prima cosa, affetto l'ananas e la riduco in piccoli pezzetti che andrò a caramellare in una padella con il burro e lo zucchero di canna. Quando l'ananas incomincerà a caramellare quindi a brunire leggermente aggiungo le fette di maiale, faccio cuocere da entrambi i lati, aggiungo un pò di sale e sfumo con il vino bianco.
Termino la cottura per una decina di minuti da entrambi i lati, lascio caramellare il fondo e servo i filetti in tavola ben caldi con il sughetto agrodolce all'ananas.


Il sommelier consiglia: Gewurstraminer, Hofstatter, 2007

domenica 19 settembre 2010

Morbidosa pesche e noci


Sola a casa, finalmente. Mandati via tutti gli ospiti, miliardi di piatti da lavare e chissà quante cose da sistemare in frigorifero. Scene già viste, eh ragazze?
Mi ci vorrebbe un uomo in casa, effettivamente. Di quelli che adorano lavare i piatti, asciugarli, riporli al loro posto...dite che resto single? Ok, ok.
Però oggi mollo tutto e mi dedico alle mie pesche. Ne ho quintali, da usare. Aiutatemi, voi. Qualche ricettina carina? Anche non rapida, tanto oggi la dedico a me.
Intanto ho pensato a questa, che ne dite?

Ingredienti:
300 gr farina
150 gr zucchero
4 uova
150 gr burro salato morbido
600 gr pesche a fettine
1/2 bicchiere di latte
buccia di un limone
1 bustina di lievito

In una terrina sbattete con un cucchiaio o una frusta lo zucchero con le uova. Aggiungete il burro ammorbidito e amalgamate.
Inserite la farina e mescolate, aggiungendo a poco a poco il latte in modo da ottenere un composto cremoso ma non eccessivamente denso. Unite infine il lievito setacciato, 250 gr di pesche a pezzetti e le noci a pezzettoni.
Versate in una tortiera imburrata e coprite con le rimanenti fettine di pesca "in fila".
Infornate a 180° per circa 50 minuti.

sabato 18 settembre 2010

Caprese al limone


La torta caprese classica al cioccolato fu elaborata all'inizio del secolo scorso alla storica Strandpension Weber di Marina Piccola, da due sorelle zitelle austriache che in questa ricetta amalgamarono insieme il sapore mediterraneo delle mandorle a quello nordico del cioccolato. Questa torta era rinomata non solo nell'isola di Capri ma in tutto il golfo di Napoli.
Con gli anni, abili pasticceri capresi rielaborarono la classica ricetta aggiungendo un prodotto tipico dell'isola, i limoni e sostituendo il cioccolato bianco a quello fondente.
Ecco allora che nasce la caprese al limone. Una torta tra le mie preferite.
Non potevo quindi non impararne la ricetta.

Ingredienti:
200 gr di cioccolato bianco
50 gr di fecola di patate
200 gr di zucchero
150 gr di burro fuso
3 limoni di Sorrento
3 cucchiai di crema di limoni o limoncello
200 gr di mandorle pelate
5 uova

Preparazione:
Per prima cosa faccio fondere il burro nel microonde, nel frattempo grattuggio il cioccolato bianco. In una terrina metto le uova e lo zucchero e con lo sbattitore elettrico monto le uova in un composto spumoso e gonfio.
A questo punto trito le mandorle finemente, grattuggio i tre limoni e da uno di questi ne prendo anche il succo che andrò ad unire in una coppa con le mandorle tritate, le bucce dei limoni grattuggiate, il burro fuso, il cioccolato bianco grattuggiato, la fecola. Mescolo il tutto, aggiungo delicatamente il composto di uova e zucchero e il limocello.
Verso il composto ottenuto in uno stampo da torta imburrato e infarinato del diametro di 23 cm e cuocete in forno caldo a 180° per 50 minuti. Verificate la cottura, pungendo la torta con uno stizzicadenti che dovrà essere asciutto.
Lasciate raffreddare e sformate su un piatto da portata o su un'alzatina e decorate con zucchero a velo e foglie li limone.


venerdì 17 settembre 2010

Tortina di melanzane ripiena


Le melanzane. Queste vecchie nemiche ormai diventate ingredienti indispensabili della mia cucina.
Non le mangio quando me le trovo davanti. Ora sono io a volerle, io a cercarle, io a cucinarle per gli altri e per me.
Come cambiano le cose, eh? E come cambiano i gusti, negli anni.
Oggi, in previsione di una cena con amici, ho improvvisato questi tortini simil-parmigiana incredibilmente buoni e, nonostante la preparazione ipercalorica, quasi estivi. Sarà questa nostalgica voglia di mare? Mah.
Buona giornata, cari.

Ingredienti:
2 melanzane
una confezione di pomodorini pachino
parmigiano reggiano
mozzarella vaccina
olio di semi
olio evo
cipolla
semola
basilico
sale

Tagliate le melanzane a fette e mettetele sotto sale grosso per circa un'ora. Scolatele, asciugatele con un panno e passatele una ad una nella semola.
Friggetele in abbondante olio di semi.
Lasciatele asciugare e nel frattempo preparare un sughetto di pomodorini con un leggero soffritto di cipolla. Aggiungete il sale e il basilico e lasciate cuocere qualche minuto.
Ora bagnate leggermente le coppette monodose con un po di sughetto di pomodoro, sistemate le melanzane in modo da coprire l'intero fondo, e riempite con mozzarella a cubetti, parmigiano, e pomodorini. Richiudete con altrettante melanzane e infornate a 180° per circa 10 minuti.

Il sommelier consiglia: Furore Marisa Cuomo, Costa d'Amalfi Rosato 2008

giovedì 16 settembre 2010

Scaloppe di tacchino al forno con patate e zucchine


Quella di oggi è una ricetta dedicata ai bambini.

Sarà perchè ci sono le patate che i bimbi adorano, sarà perchè ci sono le fettine di tacchino che si fanno spesso ai bambini, sarà perchè è una preparazione al forno, quindi più leggera, sta di fatto che mi ricorda il periodo della scuola, il periodo in cui mia madre ci preparava piatti sostanziosi, gustosi e soprattutto che adoravamo dopo la dura mattinata lavorativa.
Flashback, ricordi, sorrisi al pensarmi con il grembiulino rosa che tornavo dalla scuola materna, affamata, buttavo la cartella in un angolo e mi tuffavo a capofitto sul mio piatto.
Oggi rivivo le stesse emozioni da mamma, nel vedere il mio bimbo quando torna a casa dalla scuola e ancora con lo zainetto sulle spalle, mi chiede: Mamma cosa mi hai preparato di buono? cos'è questo profumino delizioso? E' vero, dice proprio così. E quando scopre qualcosa che a lui piace particolarmente, tipo il pollo con le patate o la salsiccia, i tortellini in brodo ( da mezzo bolognese, non si smentisce) o le lasagne, è una gioia vederlo mangiare.
Ed io da mamma sono felice. E poi questo è un modo diverso di preparare la fettina di tacchino.
Al forno come per il pollo arrosto.

Ingredienti:per 6 persone
6 patate
6 fette di fesa di tacchino
2 zucchine gialle
un rametto di rosmarino
uno spicchio d'aglio
olio extravergine d'oliva
sale grosso

Preparazione:
Pelare le patate e tagliarle a fette. Disporle nella teglia con l'olio extravergine, il rametto di rosmarino, il sale e lo spicchio d'aglio. In forno per 15 minuti, il tempo che le patate si inteneriscano. Nel frattempo taglio le zucchine a pezzetti e le dispongo sulle patate assieme alle fette di tacchino, aggiungo il sale, un pò d'olio e inforno per 20 minuti.
A questo punto le patate saranno cotte, le zucchine tenere e il tacchino dorato pronto per essere mangiato.

mercoledì 15 settembre 2010

Saccottino di crepe ripieno


Trascorrere qualche giorno con i miei nipotini a Treviso, i figli di Angela, mi fa venir voglia di cucinare quei piatti che da bambina adoravo. E che ovviamente non si preparavano mai.
Ad esempio le crepe con il cioccolato, ricetta facilissima e immediata, che desideravo più di ogni altra cosa a fine pranzo...ma che regolarmente non mangiavo perchè "la cioccolata fa male".
E così questa voglia me la sono portata negli anni e, quando vedo i miei adorati pupi, non posso non prepararle. Vi fidate di un tesoro di 4 anni che mi guarda negli occhi e mi dice "zia, queste crepes sono meravigliose"? Io si.
Dite la verità che le vorreste anche voi, ora, per colazione :-)

Ingredienti:
250 gr farina
30 gr di zucchero
3 uova sbattute
1/2 lt di latte fresco
50 gr burro salato

Unite in una terrina la farina con lo zucchero. Formate al centro una cavità nella quale versate le uova sbattute e il latte a poco a poco, sbattendo con una frusta a mano.
Unite infine il burro fuso.
Una volta che il composto sarà ben liscio, lasciatelo riposare per circa 30 minuti.
Sistemate una padella piatta antiaderente sul fuoco, sciogliete una noce di burro e con un mestolo a coppa versate un cucchiaio di composto sulla padella. Girate la crepe una volta cotta da un lato (vedete delle bolle in superficie).
Prendete una crepe, riempitela al centro con il seguente impasto: ricotta, nutella, biscotti tritati.
Chiudete a sacchetto con un nastrino e spolverate con cioccolato bianco e wafer grattugiato.

martedì 14 settembre 2010

Insalata in verticale

Il mio giardino è ancora pieno di basilico profumatissimo.
E allora ne approfitto per preparare i vasetti di pesto per quest'inverno quando, aimè, di basilico non ce ne sarà e allora sarà sufficiente aprire un vasetto e sentirne il suo profumo meraviglioso che mi avvolgerà in un abbraccio facendomi pensare all'estate. Il potere del cibo non ha limiti...
E cosa condire con questo pesto se non una bella torretta di patate, fiordilatte e pomodori? Leggero, semplicissimo e veloce.
Cosa c'è di più facile? Ecco per voi un antipasto dell'ultimo minuto che vi farà fare bella figura con i vostri ospiti.




Ingredienti: per 6 persone
6 pomodori cuori di bue
3 fiordilatte
3 patate lesse
pesto al basilico
sale

Preparazione:
Dopo aver lavato i pomodori e lessato le patate, assemblate il piatto, iniziando da una fetta di pomodoro,una fetta di mozzarella, ancora pomodoro, una fetta di patata lessa, ancora pomodoro e per finire il piatto sale e colata di pesto al basilico.





lunedì 13 settembre 2010

Tortino di zucchine al curry


Domenica frenetica. Un sabato sera decisamente stancante, poche ore di sonno, una febbre appena dimenticata ma pronta a ritornare, un amico a pranzo e due amici a cena.
Settembre mi promette cose belle e io le aspetto. Le desidero e un pò le pretendo. Senza alcuna arroganza, ho voglia di prendermi ciò che con tempo e con i giorni imparo a guadagnarmi. Con tutta l'umiltà del mondo e con tutta l'ambizione e la passione necessaria.
Ho buone notizie, cari amici blogger. Ma ancora non le svelo.
Intanto vi lascio un tortino, un assaggio del pranzo di oggi ... e vi abbraccio tutti, augurandovi un buon inizio di settimana.

Ingredienti:
3 zucchine grandi
1 cipolla
1 dado vegetale
400 gr di ricotta
2 uova
1 cucchiaino di curry
cubetti di provola
parmigiano q.b.
pangrattato q.b.
sale
pepe

In una padella antiaderente preparate un soffritto di cipolla e sistemate le zucchine a rondelle. Fate stufare insaporendo con un dado vegetale. Aggiungete il curry e lasciate cuocere qualche minuto.
In una terrina intanto mescolate la ricotta con il parmigiano, il pangrattato, le uova, il sale, il pepe e per ultime le zucchine. Amalgamate bene.
Imburrate 8 stampini monodose e versate il composto, inserendo nel "cuore" di ogni tortino un cubetto di provola dolce.
Infornate per circa 30 minuti a 180°.

Il sommelier consiglia: Marianna, Greco di Tufo 2008

domenica 12 settembre 2010

Polpettine di branzino

In questo mese di settembre un pò pazzerello, tra piogge e nuvole, tuoni e lampi capitano anche giornate di sole e allora io ne approfitto per aprire le finestre e far entrare la luce del sole. Soprattutto al mattino non c'è cosa più gradita. Aprire la propria casa al giorno che nasce.
E vista la bella giornata, vista la felicità negli occhi dei miei bimbi nel poter giocare all'aperto, ho deciso di preparare loro qualcosa che adorano: le polpettine di pesce.
Una ricetta semplice che farà contenta tutta la famiglia.
Ingredienti:
2 branzini o pesce a vostra scelta
2 panini o pancarrè
prezzemolo
50 ml di latte
1 uovo
pangrattato
sale
30 gr di farina bianca

Preparazione:
Per queste polpettine ho scelto dei filetti di branzino perchè era il pesce che avevo a disposizione ma potete farlo con filetti di merluzzo, di pesce spada. A voi la scelta.
Per prima cosa ammollate il pane nel latte. Frullate i filetti di branzino con il prezzemolo e il sale, unite il pane ben strizzato e amalgamate il tutto. Togliete il composto dal frullatore e formate delle palline che passerete prima nella farina bianca, poi nell'uovo e per finire nel pngrattato. Quando l'olio sarà ben caldo, friggo le polpettine e guarnisco con fettine di limone.

Salsina di accompagnamento dell'ultimo minuto:


Ingredienti:
tre cucchiai di senape
1 confezione di robiola
1 vasetto di cetriolini sott'aceto
aneto fresco
Frullare tutti gli ingredienti insieme e ottenere una salsina da accompagnare alle polpettine di pesce.



sabato 11 settembre 2010

Plum cake a colazione


Non so voi, ma la colazione è il pasto della giornata che preferisco.
Ed è uno dei momenti magici che ho riscoperto, con il ritorno a Bologna.
A Milano la fretta non permetteva un tale lusso. O meglio, un caffè al volo con una brioche in metropolitana, si. Ma non è questa la colazione che intendo io.
Da quando sono tornata "a casa" e soprattutto da quando vivo e lavoro da sola, con i miei ritmi e i miei tempi, la colazione è svegliarsi e con occhi ancora socchiusi chiudere la moka preparata la sera prima, accendere il fuoco, prendere la tovaglietta americana, la tazza di Starbuck's e lo Zimyl dal frigo, iniziare ad aprire gli occhi al primo sentore di caffè, versarmi il caffè bollente e il latte rigorosamente freddodifrigo e ... i biscotti... dove sono i biscotti?! Naaaaaa.
I biscotti sono F I N I T I.
(State assistendo ad una giornata che inizia male)
Ma. Ma ... ieri non avevo fatto un plum cake? Eh, eh. Furbetta. Ne sono rimaste ben tre fette. MIE!
Certo, con un filo di Nutella sarebbe stato il top... ma oggi va bene cosi.

Ingredienti:
200g di farina
100g di zucchero
70g di burro
80g di latte
2 uova
1 pizzico di sale
1 bustina di vanillina
1 bustina di lievito
cioccolato in pezzetti

In una ciotola mescolate lo zucchero con le uova, il burro e il latte.
Unite poi la farina e impastate fino ad ottenere un composto cremoso. Infine unite il sale, la vanillina e il lievito setacciato.
Riscaldate il forno a 180° e, una volta uniti i pezzetti di cioccolato, versate il composto in uno stampo da plum cake (non troppo grande).
Infornate per circa 50 minuti.

venerdì 10 settembre 2010

Pennette caramellate


Quando ero più piccola, si, quando ancora abitavo in casa con i miei, aspettavo con ansia la serata in cui uscivano o le domeniche in cui andavano a trovare qualche amico, per poter cucinare, essere io per qualche ora la regina della cucina, mio luogo ideale.
E una delle ricette più frequenti che preparavo per i miei fratelli o per gli amici che invitavo erano i peperoni in agrodolce.
Chiara in particolare li adorava e ancora adesso quando ci vediamo e ci capita di stare un pò assieme mi chiede di prepararle i peperoni di quando era piccola.
Oggi volevo condividere con voi la mia ricetta e ho deciso di condirci la pasta e aggiungere anche il tonno per un primo piatto strepitoso che vi consiglio.

Ingredienti:
500 gr di pennette
6 peperoni gialli e rossi
1 cipolla rossa
un cucchiaino di zucchero
olio extravergine d'oliva
10 olive nere pugliesi
due cucchiai di aceto balsamico tradizionale
mezzo bicchiere di brodo vegetale
un cucchiaino di sale
due scatolette di tonno in scatola

Preparazione:
Mentre l'acqua per la pasta bolle, preparo il sugo a base di peperoni.
Per prima cosa lavo i peperoni e li taglio in piccoli pezzetti, faccio soffriggere un cipolla con l'olio extravegine e quando sarà dorata aggiungo i peperoni, mescolo con un cucchiaio di legno e aggiungo il sale e lo zucchero. Poi l'aceto balsamico e lascio caramellare. Taglio le olive a pezzetti, che metto assieme ai peperoni e termino con il brodo per la cottura finale.
Quando i peperoni si saranno ben caramellati, aggiungo il tonno sgocciolato e condisco alla pasta.
Provatelo perchè è davvero un primo piatto gudurioso.





giovedì 9 settembre 2010

Cookies cocco e pinoli


Vi ricordate questa ricetta dei cookies con cocco e cioccolato? Ecco, oggi l'ho rivisitata sostituendo al magico oro nero, i pinoli. La cosa che adoro di questi biscotti è che mantengono un gusto divino per diversi giorni, restando morbidi, saporiti e adatti ad ogni esigenza.
In più, solo un uovo. Quali altri biscotti si preparano con così pochi ingredienti? Vedo frolle preparate con chili di burro e decine di uova...ma io dico, sono poi necessari?
Voi, che dite?

Ingredienti:
350 gr farina 00
50 gr cocco grattugiato
130 gr zucchero
130 gr burro salato
1 uovo
1 bustina lievito
80 gr pinoli

Lavorate il burro salato ammorbidito con lo zucchero. Aggiungete l'uovo,  la farina, il cocco, il lievito e i pinoli.
Con la mano formate delle palline un po schiacciate e disponetele su carta da forno, distanziate una dall'altra.
Infornate a 180° per circa 15 minuti.

mercoledì 8 settembre 2010

Cake zucchine e salame



Oggi vi propongo una cake salata deliziosa. Con zucchine e salame.
Non le avevo mai fatte queste cake americane tanto di moda tra i blog di cucina. Io mi limitavo, se così si può dire, alle focacce di casa nostra, ai pani, agli strudel di verdure, alle torte rustiche, insomma tutte quelle preparazioni tradizionali.
Ma vi dirò, che sono davvero buone queste cake e ci ho preso gusto a farle, presto ve le proporrò in altri gusti.
A mio marito sono piaciute moltissimo. Volete la ricetta anche voi, per conquistare chi amate?
Ingredienti:
200 gr di farina
3 uova
100 gr di latte
100 gr d'olio extravergine
3 zucchine
100 gr di salame
sale q.b.
1/2 bustina di lievito per torte salate

Preparazione:
In una terrina, mescolare con lo sbattitore elettrico le uova, l'olio e il latte. Aggiungere il sale, la farina a pioggia e il lievito. Continuare a mescolare e aggiungere le zucchine tagliate a julienne e il salame in cubetti. Versre il composto in uno stampo da plumcake e cuoere in forno per 35 minuti, a 180°.


martedì 7 settembre 2010

Cuore di pesche con mandorle e anacardi caramellati



Il mio status su Facebook : "Voglia di Agropoli".
Voglia di mare, voglia di radici, voglia di persone vere, voglia di accenti terroni, voglia di svogliatezza cilentana, voglia di colori vivaci, voglia di sapori veraci.
A Bologna piove. Piove forte. E io, con la mia nostalgia campana, affetto pesche. E mangio anacardi caramellati, sperando ne resti qualcuno per la crostata "adieu mer".
Ho voglia di inverno ma mi manca fottutamente il mare. Qualcuno mi aiuti.
Offro torta sublime alle pesche in cambio.

Ingredienti:
per la frolla sbirciate qui
3 pesche
per la marmellata di pesche sbirciate qui
mandorle/anacardi caramellati

Dopo aver steso la frolla su una teglia rotonda ben imburrata, fate una leggera base di marmellata di pesche. Ricoprite con pesche a spicchi e mandorle caramellate.
Preparate poi le striscioline a ricoprite a "rete".
E infornate a 180° fino a doratura.

lunedì 6 settembre 2010

Ricordo di un aperitivo di mezza estate

Non so nelle vostre città ma qui a Treviso l'estate sembra proprio averci lasciato.
Si respira un'aria nuova, fresca, piacevole, i colori della natura stanno cambiando, stiamo lasciando i colori pastello dell'estate per farci coccolare dai colori caldi dell'autunno. Settembre con i suoi alberi color corallo, con i suoi viali coperti di un manto giallo, con le grida dei bambini davanti alle scuole, con la sua aria frizzantina ma mai pungente, con il profumo di pioggia, di funghi e di zucche. Settembre e le sue gite fuori porta nelle campagne e nei boschi a cercar frutti rossi e castagne. Settembre con le sue sagre paesane a ricordarci i prodotti della terra, la semplicità, la genuinità e la voglia di stare assieme. Sono pronta per tutto questo, sono pronta per assaporare questa stagione che tanto amo e che tanto dà. Ma prima di salutare l'estate vorrei ricordarla con un semplice ma ghiotto antipasto che spesso preparavo durante le vacanze al mare.
Un panino, un sandwich, un amuse-bouche...o semplicemente un ricordo di un aperitivo di mezza estate, in Sardegna, la terra smeralda dove ho trascorso momenti spensierati e felici.

Ingredienti:
fichi secchi (essiccati in casa)
pecorino sardo
miele maru o miele di corbezzolo

Tagliare a metà il fico secco e farcirlo con una goccia di miele di corbezzolo e una fettina di pecorino sardo, disporre i bocconcini su un tagliere artigianale e servire accanto a pane carasau, salame o salsicce. Decorare con un fiore di bouganville per addolcire questo piatto rustico.



Il sommelier consiglia: Vermentino di Gallura Canayli, 2007

domenica 5 settembre 2010

Ricotta & cookies?


Questa torta è una cosa divina. E' una ricetta di mia madre, credo totalmente improvvisata come suo solito, e con un risultato degno della migliore pasticceria italiana. Ho segnato passaggio dopo passaggio e, come vedrete, è una sorta di cheese cake rivisitata con un ingrediente inconfondibile e sublime come la ricotta di bufala. Io, fossi in voi, la rifarei subito.

150 gr biscotti grancereale croccante
120 gr burro
400 gr ricotta bufala + 250 philadelphia
1 uovo
4 cucchiai zucchero
buccia limone grattugiata
amaretti sardi

Tritate grossolanamente i biscotti e uniteli al burro fuso.
Foderate una teglia circolare con la carta forno bagnata e strizzata e sistemate il composto di biscotti e burro, premendo bene con la spatola, facendo aderire anche i lati (non solo la base). Riponete in frigo.
Con i formaggi create una crema, al quale aggiungerete l'uovo, lo zucchero e la buccia di limone grattugiata e con la quale riempirete lo stampo pronto in frigorifero.
Spolverate di amaretti sardi la superficie della torta.
Infornate a 160° per circa mezz'ora.

sabato 4 settembre 2010

Bicchierini colorati...e un saluto alle cene d'estate.

Prima di incominciare a preparare piatti a base di zucca, di castagne e di funghi, prima di riaccendere il forno per preparare i biscotti e i plumcake per la colazione, godiamoci le ultime serate in terrazza, con le persone che amiamo, con gli amici, viviamo in modo spensierato e festoso le fresche cene a base di piatti colorati, briosi, effervescenti com'è l'estate.

E allora bicchierini colorati per tutti.



Bicchierino di anguria, fiordilatte e basilico.

Tagliare a pezzetti la mozzarella, poi l'anguria privandola dei semi e condire con olio extravergine, sale e basilico.






Bicchierino alla crema di fagioli con tonno sott'olio e cipolla di tropea

Ingredienti per 6 persone:
1 scatola di fagioli borlotti o cannellini
1 cipolla
due scatolette di tonno sott'olio
sale
pepe
olio evo
Frullo i fagioli lessati e li condisco con olio evo, sale e pepe, verso la crema nei bicchierini e guarnisco con tonno a pezzetti e cipolla a fettine.




Bicchierino con crema di zucchine e spiedino di gamberi, melone e fiordilatte

Ingredienti per 6 persone:
2 zucchine
un porro
olio evo
brodo vegetale
12 gamberi freschi
una mozzarella fiordilatte
3 fette di melone
sale
Sgusciare i gamberi e cuocerli al vapore o in acqua bollente.
Far cuocere le zucchine con l'olio evo, il porro e sfumare con un bicchier di brodo vegetale.
Quando le zucchine si saranno intenerite, frullare fino a ridurle in crema.
Versare il composto nei bicchierini e guarnire con uno spiedino composto da un gambero, un pezzetto di melone, un pezzetto di mozzarella, poi ancora un gambero, un pezzetto di melone e un pezzetto di mozzarella. Condire con un filo d'olio evo e un pò di sale.

venerdì 3 settembre 2010

Tortine ripiene di crema al limone


Sarà la crisi del rientro.
No no, sarà l'agitazione ogni volta che mi vedo in video.
Ma no, sarà l'ansia di un nuovo progetto che spero possa prendere forma.
Ok. Nulla di tutto questo. Ho solo voglia di dolci. E non di un cioccolatino, per dire.
Io ho proprio voglia di comprare farina, burro, cioccolato, zucchero. Ho voglia di sporcarmi le mani e leccarmi le dita dolciastre. Ho voglia di preparare frolle delicate e mangiarmi quei piccoli pezzettini di impasto in eccesso (non ditemi che non lo fate anche voi, su!).
E così, oggi il limone è il protagonista. In una crema limonosissima che vi consiglio solo se ... vi piace molto questo frutto!

Ingredienti:
300 gr farina 00
2 uova ( 1 uovo + 1 tuorlo)
150 gr zucchero
100 gr burro salato
mezza bustina lievito
Per la crema:
2 limoni (buccia + succo)
100 gr zucchero
2 uova
20 gr burro

In una ciotola mescolate le uova allo zucchero e al burro salato ammorbidito. Aggiungete la farina e il lievito setacciato. Impastate fino ad ottenere un composto omogeneo e liscio.
A parte preparate la crema di limone mescolando in un pentolino a fuoco basso il succo dei limoni, lo zucchero, le due uova, il burro e la buccia grattugiata del limone.
Quando sarà abbastanza densa, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.
Con la frolla foderate delle formine tonde precedentemente imburrate e infarinate, riempite con la crema e richiudete con un disco di frolla, facendo bene attenzione a chiudere bene i bordi.
Informate per circa 15-20 minuti a 180°.

Il sommelier consiglia: Fattoria Zarbina, Albana di Romagna Passita Scacco Matto 2006

mercoledì 1 settembre 2010

Quel rotolino in più


Rotolino di ciccia? Beh, anche. In quest'estate mangiona, le Sorelle in Pentola sicuramente si sono date da fare con ricette, cene e kg in più.
Il dolce di oggi è stato il must delle mie colazioni estive (colazioni che duravano fino a cena...meglio specificarlo!), nonostante il pan di spagna non sia mai stato di mio gradimento, anzi...eppure con il cioccolato, tutto acquista un sapore diverso, non trovate?

E allora, pronti per un rotolino in più?

Ingredienti:
5 uova
150 gr zucchero
60 gr farina 00
60 gr fecola
1 pizzico di sale
Nutella
nocciole tritate

In una ciotola frullate con uno sbattitore elettrico le uova intere e lo zucchero, fino a farlo diventare un composto cremoso e ben spumoso. L'operazione deve durare almeno 20 minuti (questo assicura la buona riuscita del pan di spagna).
A questo punto unite setacciando la farina e la fecola e mescolateli insieme con delicatezza.
Sistemate il composto in uno stampo rettangolare e cuocete in forno preriscaldato per 35 minuti a 150°.

Una volta pronto, lasciate raffreddare e con un coltello affilato a lama liscia tagliatelo in due o tre parti.
Stendete ora la Nutella delicatamente con una spatola e aggiungete le nocciole tritate finemente.
Arrotolate su se stesso il pan di spagna e create il vostro splendido rotolo.

Se non lo mangiate subito, potete metterlo in freeezer e scongelarlo quando necessario (qualche ora prima).

Ti potrebbe interessare:

Related Posts with Thumbnails