martedì 19 aprile 2011

Country chic

Sono arrivati. I libri tanto attesi sono tra le mie mani. Sembravo una bambina il giorno del suo compleanno: felice, emozionata con il pacco in mano ancora chiuso. Un libro può fare questo effetto? Per un'anima sensibile si.
Ho staccato con il mondo, mi sono accomodata sul divano, ho spento il pc, il forno e con Matteo mi sono regalata una mezz'ora di ricette, colori, foto, storie, emozioni.
Country Chic, solo il titolo mi piace, sono io, è la mia casa, è il mio modo di intendere la vita.  Solo la copertina rigida e dai colori caldi mi trasporta in quei luoghi ameni che tanto amo, poi lo apro, inizio a sfogliarlo e mi lascio avvolgere dal mondo di Csaba. Una food-writer ma soprattutto una donna e una mamma che possiede la delicata sensibilità nel raccontare le cose, nel vivere le emozioni, che non è da tutti. Questo libro è la celebrazione del vivere in campagna con stile, femminilità, eleganza. Foto bellissime, accattivanti, romantiche e familiari. Ricette belle da vedere e facili da riproporre, infatti ne ho già adocchiate un pò per voi, miei cari amici.
Un libro da conservare, da leggere e aggiungerei, da prendere come esempio per il modo raffinato e sensibile con cui l'autrice ci accoglie nel suo mondo.
Vi ho fatto venir voglia, eh? Vi lascio alcune foto, dite un pò voi...





7 commenti:

salamander ha detto...

che meraviglia...son libri e immagini che fanno sognare

Simo ha detto...

E' fantastico questo libro, ce l'ho anche io e mi ci perdo....
Buonissima giornata

la felicità vien...CUCINANDO! ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
la felicità vien...CUCINANDO! ha detto...

cosa c'è di più bello che leggere e cucinare? quando le due cose si uniscono diventa un sogno e queste foto mi portano in un mondo parallelo, di fiabe e poesia...

Anonimo ha detto...

Senti un pò, "anima sensibile", hai rotto con la celebrazione continua della tua felicità di sposa, madre, donna realizzata ecc. ecc. Fai venire veramente una rabbia a chi non ha tutte queste fortune, ma magari è solo, soffre e legge questo blog per trovare un pò di conforto. Con quanto scrive Chiara sono sempre in sintonia, mentre tu riproponi sempre la solita solfa della mammina cuciniera e che oggi addirittura si definisce DA SOLA anima sensibile. Bè, secondo me, tutta questa sensibilità non ce l'hai proprio. Smettila di sbattere in faccia al mondo quanto sei fortunata e splendida e "country chic" e spendi due parole anche per quelle persone che, purtroppo, non vivono la tua realtà dorata... Mi dispiace, Angela,ma tu non mi piaci neanche un pò.

Chiara Maci ha detto...

Non è questo il modo, mio caro/a Anonimo. Prima cosa, ti prego di firmarti. Non è belle ricevere critiche ignoranti prive di mittente, non credi?
Seconda cosa, la realtà dorata, come la chiami tu, non è che un modo di vedere la vita. Ognuno deve essere felice di quello che la vita gli riserva e ognuno deve guardarsi allo specchio e capire quanto lotta e quanto si sbatte per migliorarla, la propria vita.
Ti trovi più in sintonia con me, perchè? Perchè sono single, nostalgica, perchè difficilmente riesco a portare avanti una relazione per più di qualche mese, perchè quando torno a casa non ho nessuno ad aspettarmi? O perchè vivo ogni viaggio con l'emozione della prima volta, perchè cucino con la passione dentro, perchè mi basta poter scrivere per essere felice? Vedi, siamo molto simili in questo, io e Angela. Abbiamo lo stesso modo di vedere la vita, con o senza marito, con o senza lavoro, con o senza figli. Con il sorriso e la voglia di sbatterci, giorno per giorno, per mantenerlo e giustificarlo quel sorriso.
Ti auguro di arrivare a percepirla cosi, la vita. Anche tu.
- non mi permetto di difendere Angela, perchè è talmente una bella persona che non ne ha proprio bisogno -

Angela Maci ha detto...

@Grazie Chiara per essere una sorella con la S maiuscola.

@E grazie anche a te anonimo per leggermi spesso. Beh, per dire che la mia Continua felicità ti ha stancato, vuol dire che qualche mio post l'hai letto. Non so esattamente cosa ti dia più fastidio di me: Il fatto che sia sposata, il fatto che sia madre o il fatto che sia felice. Cosa? Se sei solo, triste e soffri mi spiace molto ma c'è modo e modo, a mio avviso di affrontare il problema. Sono una donna con i suoi problemi, i suoi dubbi, i suoi pensieri, come tutti, come te. Ma mi è stato insegnato a sorridere e a gioire di quello che si ha, di quello che la vita ti ha dato senza piangersi addosso. Mi sono autodefinita sensibile, lo sono e lo urlo al mondo intero se dovesse servire.Vivo di cuore, vivo di emozioni, vivo la vita e mi spiace che a te abbia trasmesso solo rabbia e nervosismo.
Ma in fondo c'è sempre qualcosa da imparare anche da anonimi come te.

Ti potrebbe interessare:

Related Posts with Thumbnails