giovedì 8 settembre 2011

Tartare di mela con gamberi rossi in emulsione di extravergine

ODE ALLA MELA
Te, mela, voglio festeggiarti
riempiendomi col tuo nome
la bocca, mangiandoti.
Sempre
sei nuova come niente o nessuno,
sempre
appena caduta dal Paradiso:
piena e pura
guancia arrossita dell'aurora!
Che cosa difficile
sono paragonati
a te
i frutti della terra,
le cellulari uve,
i manghi
tenebrosi,
le ossute
prugne, i fichi
sottomarini:
Tu sei pomata pura,
pane fragrante,
formaggio
della vegetazione.
Quando mordiamo
la tua rotonda innocenza
torniamo
per un istante
a essere
anche creature appena create:
ancora abbiano qualcosa di mela.
Io voglio
una abbondanza
totale, la moltiplicazione
della tua famiglia,
voglio
una città,
una repubblica,
un fiume Mississipi
di mele,
e alle sue rive
voglio vedere
tutta
la popolazione
del mondo
unita, riunita,
nell'atto più semplice della terra:
mordere una mela.

Con questa splendida ode alla mela di Pablo Neruda inauguro le ricette a base di uno dei frutti che preferisco in questa stagione.
Settembre, l'odore dell'aria che incomincia a rinfrescarsi, i colori della natura che iniziano a diventare caldi, il profumo dell'uva appena raccolta , il gusto delle mele sode e succose, la dolcezza dei fichi maturi e soprattutto il mio umore che sta cambiando giorno dopo giorno. Domani mattina ho la visita di controllo e finalmente vederemo come sta procedendo la calcificazione della mia caviglia.
Sono ottimista e positiva perchè ho tante novità per questo autunno da raccontarvi e da condividere con tutti voi e devo stare bene. Quindi proseguo la mia convalescenza ma con positività e voglia di camminare presto.
Nell'attesa vi regalo la mia prima ricettina del mese di settembre a base di mele altoatesine.
Seguitemi in questo antipasto leggero, raffinato e semplicissimo.
Buona giornata.


Ingredienti: per 4 persone
2 mele
1/2 kg di gamberi rossi freschissimi
olio evo
sale
pepe
succo di limone

Preparazione:
Tagliate le mele a piccoli pezzettini  e mettetele in una coppetta con un po' di limone affinchè non anneriscano.
Nel frattempo togliete il carapace dai gamberi e lasciateli emulsionare con olio, sale e pepe.
Quando si saranno insaporiti preparate il piatto da portata.
Con l'aiuto di un coppapasta preparate le mele sul fondo e adagiate sopra i gamberi con l'emulsione di olio sale e pepe. Decorare con un rametto di rosmarino o di timo al limone.




8 commenti:

Max ha detto...

Interessantissimo, in questo periodo vado di gamberi anche io e questo tuo consiglio mi intriga non poco...ciao...

Palato & Scarpette ha detto...

Deve essere buonissima :-)

Mariangela ha detto...

Angela è molto interessante questa ricetta!

meandfrankieavalon ha detto...

Delicatissima e meravigliosamente rappresentata!

Alessia ha detto...

che raffinata...

Ilda ha detto...

un modo diverso per mangiare la frutta.una ricetta raffinata,particolare
da provare.... :-)

Roberto ha detto...

Deliziosa ! La proverò sicuramente appena riesco a trovare una piantina di Timo al Limone, quella che avevo non ha passato la torrida estate SIGH !

Roberto
blog.giallozafferano.it/ribbincucina/

Nicola Ballotta ha detto...

Sembra ottima! Io ho da poco fatto il contrario a livello di quantità! :)

http://www.uasabi.it/ricette/antipasti/tartare-di-gamberi-con-mele-e-pesto

Ti potrebbe interessare:

Related Posts with Thumbnails