lunedì 24 ottobre 2011

Voglia di sentirmi a casa, voglia di raviole

Sarà che ultimamente sono spesso in giro con Chiara per presentare il libro.
Sarà che le temperature si sono abbassate parecchio.
Sarà che abbiamo incominciato ad accendere il camino.
Sarà che ho montagne di panni da stirare e cambi degli armadi da fare.
Questa domenica ho voglia di casa.
Con la mia famiglia. In tuta, pantofole, coccole e riposo.
Ogni tanto ci vuole. E tra una camicia e un lenzuolo da stirare, voglia di preparare una frolla per i bambini.
Voglia di sentirmi a casa, voglia di raviole.
Le raviole rappresentano il mio confort food, la mia coccola, il mio tornare a Bologna, il focolare.
E soprattutto rappresentano il dolce ideale nella stagione fredda. Sarà perchè la mia mamma le preparava spesso per le nostre merende dopo la scuola, sarà per quel dolce ripieno di marmellata, sarà per lo zucchero a velo e la frolla leggera, le raviole sono i miei biscotti bolognesi preferiti.
Volete scoprire come si preparano? Seguitemi...



Ingredienti: per 30 raviole
550 gr farina 00

250 gr zucchero
250 gr burro
2 uova intere
1 pizzico di sale
un cucchiaino di lievito per dolci
un cucchiaino d'acqua
zucchero a velo
marmellata di fragole

Preparate la frolla lavorando il burro a temperatura ambiente con lo zucchero.

Aggiungete le uova, la scorza grattugiata di un limone e un pizzico di sale.
Inserite poi all'impasto il lievito e la farina un po alla volta. Aggiungete l'acqua che renderà l'impasto morbido.
Impastate il tutto fino ad ottenere un impasto compatto, che modellerete come una palla e terrete in frigorifero per circa 20 minuti, avvolto nella carta trasparente.
Questo passaggio è a vostra scelta, in questo caso l'ho tenuto circa un quarto d'ora, ma potete tranquillamente lavorare e stendere direttamente la frolla ottenuta.
Stendete poi la pasta con un mattarello e create con un bicchiere o un coppapasta dei cerchi che riempirete con un cucchiaino di marmellata di fragole ( o quella che preferite). Chiudete a mezzaluna le raviole e con l'aiuto di una forchetta sigillate bene affinchè il composto non fuoriesca in cottura.
Adagiate su una platta rivestita di carta forno e cuocete in forno a 180° per 20 minuti.
Lasciate poi raffreddare e spolverate di zucchero a velo.


10 commenti:

Franceschina ha detto...

Ti capisco, la voglia di casa è sempre condivisibile e quello che più la ricorda quando si è lontani sono sapori e profumi

lagioi ha detto...

che dolce che sei !! :D

due bionde in cucina ha detto...

che carine queste raviole!!!!!
Sei proprio una perfetta donna di casa a stirare anche le lenzuola....
come fai a trovare il tempo per far tutte queste cose?

lucia ha detto...

sono il dolce che mia suocera ha fatto preparare a tutti gli innumerevoli nipoti che sono passati dalla sua casa, per intrattenerli mentre la mamma era fuori. E tutti tornavano (e tornano!) a casa orgogliosi e felici con il piattino pieno di raviole spolverate di zucchero a velo! Buona settimana e a presto! Lucia

Marina ha detto...

Che dirti? deliziose e dal sapore di casa... io ci metto la confettura di arance di solito. Complimenti per come riesci a far tutto!!! Buona giornata

Iva ha detto...

Che brava... io ormai non stiro più nulla a parte le camicie... questi biscotti sono super invitanti.. ci si può mettere dentro anche la nutella o si indurisce troppo?

pasticciona ha detto...

c'è un piatto con lo stesso nome di questo ma completamente diverso che invece mi fa pensare alla mia famiglia, a mia prozia e a una vecchia foto di lei e suo marito che impastano le raviole, quelle piemontesi però, è un primo che posso definire della famiglia degli gnocchi.... il tuo titolo mi ha fatto venire voglia della mia "ziona"...

nonnapuffo ha detto...

La mia nonna prepara degli ottimi biscotti senza burro e senza lievito e con farina di kamut perchè ho dei problemi di intolleranza alimentare, ma le tue raviole mi hanno fatto sorridere. Grazie di cuore, se supererò i miei problemi, rincorrerò il tuo post e la tua ricetta favolosa: Un bacio!
www.welovefur.com

Giordana ha detto...

non li conoscevo! siete sempre una scoperta!:)

Cucinamando ha detto...

All'inizio della ricetta pensavo a tutt'altro.... alle raviole piemontesi, cosi' come le chiamiamo noi qua..... Invece una nuova scoperta, i tuoi dolcetti mi sembrano buonissimi....

Ti potrebbe interessare:

Related Posts with Thumbnails