mercoledì 18 gennaio 2012

E una mattina, si cambia.

Non ricordo quale fosse il film, ma di sicuro ad un certo punto una tale lei (perché queste frasi appartengono sempre più alle donne e mai agli uomini, anche nei film) dice qualcosa tipo "c'e' sempre un momento in cui puoi fermarti e scegliere".

Che si tratti di un nuovo posto di lavoro, che si tratti di un piatto da decidere se assaggiare o no. Che si tratti di un uomo che ti tradisce, che si tratti di un'amicizia sterile. C'è sempre un momento in cui noi possiamo fermarci e dire "io mi fermo qui".
Per il mio bene, per il rispetto che ho di me stessa, per la forza che mi contraddistingue o semplicemente perché mi va.
Nei film questo momento e' accompagnato solitamente da musiche simil malinconiche/strappalacrime e da flashback ben montati. E così e' facile, pero'. Così si riconosce subito il momento "mi fermo e scelgo".
Ma nella vita vera, no che non ci sono canzoni e montaggi romantici. Nella vita vera capire quando e' il momento di fermarsi e scegliere, e' un gran casino.

Sono sempre stata convinta che nella vita, qualunque scelta tu debba prendere, lo capisci una mattina al risveglio. Una di quelle mattine in cui la notte hai dormito profondamente e stranamente non hai pensato a nulla. Una di quelle mattine in cui la sera prima hai fatto baldoria e ti sei ubriacata. Una di quelle mattine in cui pensi di svegliarti esattamente come tutte le altre mattine e invece ti rendi conto, in un preciso istante che la persona che hai di fianco non la vuoi più accanto. E ti accorgi che quella scrivania in quell'ufficio non ti appartiene. E ti accorgi che il centro città non ti e' mai piaciuto e non capisci perché e' proprio li che hai scelto di vivere. E ti accorgi che le parole di tuo padre, a proposito del fermarsi e decidere, in fondo non erano poi così sbagliate. E ti accorgi che non te ne frega nulla di quello che può pensare la gente, perché improvvisamente ti guardi allo specchio e capisci chi sei. E ti accorgi che tutti quei "si" in fondo erano solo dei timidi "no". E ti accorgi che e' necessaria una scelta, per ricominciare.

Giornate e nottate a pensarci senza trovare una soluzione e poi svegliarsi un giorno e capire che era tutto così semplice.
Ho scelto di licenziarmi una mattina, al risveglio a Roma.
Ho scelto una persona accanto, una mattina al risveglio, guardandola sorridere.
Ho scelto un lavoro, una mattina al risveglio davanti ad un pc sporco di cioccolata.
Ho scelto un percorso, una mattina sbagliando strada.
Ho scelto me stessa, una mattina guardandomi allo specchio.
E ho scelto tutto questo, senza mai pensare di scegliere.  Buffo.
Eppure ogni ragionamento di troppo, mi ha sempre condotto fuori strada.

E allora questo 2012 lo inizio così.  Con meno pensieri e con più mattine.

E che sia così anche per voi. Per tutti voi che mi chiedete quotidianamente cosa fare per cambiare vita. Non lo so. So che vi sveglierete una mattina e sarà tutto semplice. Vi guarderete allo specchio e capirete. E sarà quello il momento in cui vi rimboccherete le maniche, sorriderete e vi andrete a prendere quello che avete sempre voluto.

23 commenti:

una mamma x 2 ha detto...

già hai ragione...io agisco così di solito la prima cosa che scelgo e penso è quella giusta poi magari ci rimugino penso altre soluzioni ma alla fine è la prima cosa che ho pensato che scelgo.
ciao chiara buona giornata...la mia oggi sarà lunga e burocratica...
ah ieri sera abbiamo visto la puntata di cuochi e fiamme con le tagliatelle al cioccolato e riccardo che non ne voleva sapere..siamo morti dalle risate...

Valentina ha detto...

E' un augurio che accolgo con vero piacere! non so perché a me le illuminazioni vengono spesso in macchina, sarà perché in quel momento sono da sola, sarà perché in effetti sono aiutata dal sottofondo musicale :), forse perché quello è uno di quei pochi momenti in cui il flusso dei miei pensieri non è interrotto da altro e la mia mente viaggia libera...bisogna imparare ad ascolare le nostre intuizioni,provare e soprattutto crederci!!
Un abbraccio e una splendida giornata, Vale

Federica ha detto...

com'è difficile!!!

Adry le tre gonne di villa p. ha detto...

Buongiorno Chiara, buon anno, buona vita. Mi trovi assolutamente in accordo con te, mi sento proprio quella persona lì, che un giorno si sveglia e per la prima volta apre gli occhi. E da quando l'ho fatto non li ho più richiusi, mi sono lasciata alle spalle le situazioni pesanti e viro dritta verso il mio obiettivo. Ho scoperto di avere un sogno e di volerlo fortemente realizzare. Un abbraccio, Adry.

La cuoca marzolina ha detto...

Sono mesi che annaspo, ho la mente intossicata dal continuo ragionare, sono esausta. Voglio cambiare profondamente la mia vita, la mia essenza lo chiede prepotentemente, ma nulla si muove.Stamattina ho aperto il PC appena sveglia (e non lo faccio quasi mai)e mi è caduto l'occhio sul tuo post...
Non so cosa farò, ma sicuramente penserò spesso a quello che hai scritto. E prenderò un impegno.

Valentina ha detto...

Ciao Chiara, buon anno.
La penso esattamente come te sulle scelte del primo mattino. Di primo mattino, specialmente in alcune mattine (scusa la ripetizione...), tutto improvvisamente diventa più chiero.
Non vedo l'ora che arrivi quella mattina, la stessa che è arrivata per te.
Un bacio e buon tutto
V.

francesca ha detto...

bellissimo post! Ti seguo da un po' in tv e da poco ho scoperto il tuo blog e la pagina su Fb. LA tua scelta di cambiare vita, la filosofia di questo post è precisa precisa ai miei pensieri... Peccato che non è così semplice! Ma, santo cielo, quanto vorrei essere capace di dare davvero una svolta alla mia vita!

Teresa ha detto...

wow!! è stupendo riconoscersi nelle parole di chi fa/ha fatto/sta facendo gli stessi percorsi (prima mentali...poi fisici...) ...è una vera esperienza di condivisione, anche se i protagonisti non si conoscono, forse non si incontreranno mai..o forse sì..chissà...:-) Terry

Marika ha detto...

E' così giusto e vero quello che dici, ma purtroppo come immagino non lo è stato per te, per nessuno è facile. Credo che nella vita si debba dare una forte capocciata al muro, abbatterlo, saltarlo ed andare altrove. Si perchè siamo uomini, abbiamo una sola ed unica vita, e come si può fare qualcosa che non ci appartiene?
Ti abbraccio forte!

Giovy ha detto...

A me è capitato mesi fa di scegliere la strada sterrata... interessante ma è stato come un passo nel vuoto.
Il tempo e i fatti mi danno ragione...

alice ha detto...

è il più bell'augurio ricevuto. Il tuo post di ogi è meraviglioso. Grazie. Otta

www.ottalovemuffin.com

pasticciona ha detto...

non sai quanto io in questo m omento spero che tu abbia ragione...

pasadena ha detto...

Quanto è vero! A volte stiamo a pianificare tutto nei dettagli, studiando studiando, senza fare niente in realtà e poi pouf una mattina tutto cambia e si è pronti

Dani ha detto...

Grazie, Chiara.

Shabby Chic Interiors ha detto...

Ma io ti adoro quello che hai scritto è dentro di me da tanto, troppo tempo! Grazie per averlo condiviso anche con me! :)

Un grande abbraccio,
Sarah

smartys ha detto...

semplice "chiara" essenziale ma così straordinariamente efficace!

francesco marino ha detto...

'E ti accorgi che tutti quei "si" in fondo erano solo dei timidi "no" '
Chiara è meravigliosa, come un tango, un pensiero triste che ti attraversa e li rivedo tutti i miei sì che erano no. Tutti insieme disegnano un film, di quelli che si muovono a fotogramma singolo e raccontano una storia a segmenti, anzi a singhiozzi

Daniela ha detto...

Ciao Chiara!
Che meravigliosa sensazione ritrovarsi nelle tue parole, tanto vere e preziose... Grazie per questo bellissimo regalo! :)

la gelida anolina ha detto...

che post stupendo!!!quante le cose che non riusciamo a vedere anche se sono davanti ai nostri occhi...scoprirle pian piano è la cosa più bella! :)
Auguri

Lillotta ha detto...

Ciao Chiara, complimenti per la tua sensibilità.E' bello leggere i tuoi post che rivelano la tua profondità d'animo e sono insieme un pieno di speranza per chi li legge. Buon 2012, buona Vita, con la speranza che "quel mattino" possa presto arrivare per chiunque lo sta aspettando, me compresa!

annaferna ha detto...

....sarebbe bellissimo.....ma non ci credo più.
baci

speziapazza ha detto...

Io quella mattina l'ho appena vissuta. Ho fatto la mia scelta contro tutti. E da sola ho deciso di andare per la mia strada, con il mio uomo. Parte della mia famiglia mi ha tolto anche la parola...e da sola una strada nuova fa ancora più paura.
Ma so che è stata la scelta giusta, per una volta ho scelto ME!
Grazie Chiara per aver voluto condividere questi tuoi intimi pensieri!

Gio ha detto...

Ti guardo tutte le sere in televisione, mai piaciuta particolarmente, troppi sorrisi e troppo scosciata. E oggi per caso ho deciso di soffermarmi seriamente sul tuo blog. Si vede che era il momento giusto, perchè io la mia decisione l'ho presa poco più di un mese fa e fra poco parto, con le idee un pò confuse ma con molta determinazione.
Scrivi benissimo, vorrei leggere tutti tutti i tuoi vecchi post, spero di avere il tempo per farlo.
Grazie.

Ti potrebbe interessare:

Related Posts with Thumbnails