sabato 21 gennaio 2012

Senza di loro non avrei potuto, non avrei saputo

Quel Giorno preciso la tua vita cambia.


Sei diventata madre. E tante altre cose assieme.


Quando ho avuto il mio primo figlio, scrivevo un diario. Di emozioni, di stati d’animo, di momenti difficili e di solitudine.


Era il mio sfogo. Non avevo altro.


"Ma come, un figlio non ti riempie la vita? Dovresti essere felice e appagata. Come puoi sentirti sola?"


Quante di noi hanno sentito queste frasi dal coro?


Eppure, quando torni a casa dall’ospedale, niente è più com’era.


Tu per prima. E non parlo solo del tuo aspetto un po’ goffo, delle occhiaie, dei dolori del parto. Parlo di te come donna.


Mi sono trovata catapultata in una nuova dimensione: un trasloco in un’altra città che non mi apparteneva, con un neonato, un marito, una casa e una tesi di master da preparare. Tutto da accudire. Me compresa.


Le tue amiche più care, lontane, tua madre, la persona che avresti voluto più vicina viveva in un’altra città e tua sorella cercava di scappare da Milano ogni due week-end pur di starti vicina. Non ti ho mai ringraziato abbastanza per questo, Chiara.


Eppure, eppure ti senti sola in tanti momenti della giornata. Succede. A me è successo.


Perché era una nuova vita tutta insieme, perché nonostante il mio carattere estroverso e solare, in quei momenti vuoi accanto solo persone che ti conoscono nel profondo. Che possono aiutarti con un bambino che piange a tutte le ore del giorno e della notte. E con una casa da mandare avanti. E tu che ti senti fragile, che sei stremata. E non sai se sei pronta.


E poi. E poi accade qualcosa.


O crolli o ti rialzi.


Ed io mi sono rialzata


E ho scelto di diventare madre assieme a mio figlio. Di diventare moglie assieme a mio marito.


Di imparare ad esserlo a 27 anni.






Rinunciando. Noi madri facciamo tante rinunce.


E , dopo 5 anni, lo rifarei.

Perché Tommaso prima e Matteo poi, mi hanno aiutato a crescere, insieme a Christian mi hanno aiutato ad essere la donna che volevo diventare.
Senza di loro non avrei saputo, non avrei potuto.

16 commenti:

Loredana ha detto...

Anche la mia esperienza di donna e madre è stata simile, mi ritrovo nelle tue parole e anche nella rua forza nel reagire.
E poi diciamocelo, dopo tutta la fatica, la sofferenza diventiamo forti come rocce , ma luminose come diamanti.
buone domenica loredana

Valentina ha detto...

Angela, quanta verità nelle tue parole. Succede a tante di noi dopo il parto di sentirsi come ti sei sentita tu, chi per un motivo chi per l'altro, un figlio ti cambia la vita. Ma l'importante è rialzarsi, essere forti, per noi, per i figli, per un marito che ci vuole accanto e dopo tutti questi pensieri e ricordi che si sono accavallati nella mia mente scivendo questo commento, ti mando un abbraccio forte forte.
Con affetto, Valentina

germana ferrari ha detto...

Io non sono madre, ma so quanto grande e forte é stata la mia.
Le mamme non dovrebbero mai morire.
Un abbraccio

Marika ha detto...

Che bello sentire come le persona hanno ancora voglia di rialzarsi, di non mollare. Sei un esempio, perchè sei riuscita a rialzarti. Ti auguro tanta felicità. Un abbraccio

Palmy ha detto...

Ciao, ti leggo da poco... che belle parole hai usato... e quanta superficialità in chi crede che basti un figlio per essere felici... e invece un figlio ti cambia la vita, è vero, in un modo imprevedibile prima... e poi anche questo inaspettatamente arrivano anche tante gioie...

Tiziana Bergantin ha detto...

Angela, non sono rinunce sono scelte. Un bacio

La Femme du Chef ha detto...

Cara Angela,
grazie per le tue parole che mi sento di condividere, una dopo l'altra. Non è semplice essere madre, non lo si diventa in un secondo. Ci si scopre madri, si costruisce giorno dopo giorno questa noi nuova, diversa da quella che eravamo fino a ieri, diversa da quella che saremo domani. Non è facile capirlo vivendolo, non è facile farlo comprendere a chi sta fuori.
Però sarà tutto una nostra conquista, difficile ma bella. Io ci credo, sto vivendo per questo da undici mesi...

un abbraccio
Claudia

lagioi ha detto...

E' davvero così bello e intenso leggerti. E hai usato, non a caso, lettere grandi, piccole, urla e silenzi, spazi vuoti e righe strette...come la vita. Ti abbraccio davvero col cuore.

Angela Maci ha detto...

@Forti come rocce e luminose come diamanti..parole sante, loredana.
@urla e silenzi, spazi vuoti e righe strette come la vita, Lagioi
@Scelte, non rinunce. Hai ragione Tiziana...ma lo capisci dopo, col tempo che la scelta che hai fatto è stata quella giusta.
I vostri commenti, il vostro esserci mi riempie il cuore.
Grazie e buona vita a tutte voi.

MONIA ha detto...

penso che questa sia la storia di tutte le neo mamme e neo spose che nn hanno un aiuto...a me e' successo a 20 anni e appena rientrai a casa con il piccolino che dormiva lo gradavo e pensavo :"emmo' che gli faccio???se piange??che gli faccio???" entrai nel panico x due ore e stop...mi rimboccai le maniche e via...ti capisco enn immagini quanto e credo che in certe situazioni un buon marito e' basilare (come lo e' stato il mio) quante donne si trovano anche un uomo violento...siamo fortunate!!!! buon week cara e nn sei sola!! ^_^

giuli ha detto...

Che bello Angela...scoprire di essere fragili, umane, emotive e profondamente forti. Questo é essere donna. Arianna per noi é stata un dono, desiderato e fortemente cercato. Dopo tanti anni insieme abbiamo deciso di "completarci". E, nonostante lei sia un vero angelo, caduto dal cielo, ho provato le stesse sensazioni che descrivi tu. La gioia inizi a metabolizzarla dopo, a distanza di tempo. Prima ci sono tante sensazioni contrastanti: il superamento del dolore, della confusione, delle mille voci che vorrebbero dirti come, cosa e quando fare tutto....e il tuo compagno che non sa bene dove collocarsi...e che, solo dopo molto tempo, ti rendi conto di non aver piú considerato. Insomma, potremmo stare qui, a scrivere pagine e pagine di vita, di emozioni ed esperienze. Perché siamo madri, donne, esseri complessi e, forse, completi.....
Un bacio

Paola ha detto...

Ciao Angela! Sono arrivata alla fine del tuo racconto con le lacrime agli occhi! Anche io sono mamma di due gioielli, che spesso mi fanno perdere il senno della ragione, ma poi conto fino a dieci , li guardo e mi dico che sono le cose più belle che ho fatto nella mia vita! Anche io lavoro, sono figlia unica, non ho più la mamma, ma ho un marito stupendo ed alcune persone che mi aiutano! Però quando chiudi la porta di casa di fronte a tutti i problemi della famiglia ci sei tu! Ogni tanto non sai da dove cominciare, ma bisogna rimboccarsi le maniche e darsi da fare! Siamo donne! Abbiamo una marcia in più, siamo abituate a fare fronte a tutto! Questa è la nostra vita, ma in fondo in fondo è bella così. Sicuramente avremo sempre qualcosa di cui poterci vantare di avere fatto con le nostre forze!
Complimenti per la donna, la mamma, la moglie e la foodblogger che sei!
Ciao! Un abbraccio Paola!!!!

Angela Maci ha detto...

Ragazze grazie, grazie dal più profondo del cuore per capire, per amare, per essere madri, per vivere la vita con la forza di un tornado e la sensibilità di un bambino. Un bacio a tutte voi.

le torte di bia ha detto...

Che meraviglia! Nelle tue parole mi sono rivista anch'io, così pienamente che mi hai commosso! È vero la mia vita di giovane donna è cambiata, è stata stravolta, catapultata in una nuova dimensione, prima con Martina e poi con Alice....è stato difficile sì, ma quanta gioia adesso c'è nel mio cuore? Senza loro avrei mai potuto scoprire quanto amore posso donare? Sarei mai diventata la donna che sono oggi? La risposta la conosco...no! Non sarei niente di tutto questo se nella mia vita non ci fossero state le mie figlie!il dono più grande che potessi ricevere dalla vita! Grazie per aver condiviso con noi la tua esperienza...Manuela

Daphne ha detto...

Non so se trarre stimoli positivi da questo tuo post, fiducia o incertezza..o tutt e due..speriamo mi possa rialzare anch'io come hai fatto tu.
E intanto complimenti a te che mi hai preceduta.

Angela Maci ha detto...

@Daphne: io ti auguro con tutto il cuore di rialzarti.Un bacio

Ti potrebbe interessare:

Related Posts with Thumbnails