martedì 29 maggio 2012

Sandwich di sarde in crosta di mandorle con fiordilatte e confettura di limoni

Martedì mattina e tanta voglia di cucinare qualcosa di leggero, stuzzicante e che piaccia al fratellino (che si fermerà a cena).
Così  dritta al Panorama dove c'è una varietà di prodotti che sicuramente mi daranno l'ispirazione giusta.
Senza girare mille posti diversi, ho trovato tutto quello che mi occorreva.
A cominciare dal pesce fresco.
Eh già, con la “Barca del Giorno” Pam e Panorama garantiscono quotidianamente ai loro Clienti selezione e qualità di prodotti ittici freschissimi tra cui polipi, seppie, calamari, fasolari, canocchie, sogliole, merluzzi, moli, triglie, alici e sardine pescati nei nostri mari.”.
Oggi ho scelto le Sarde (pescate nel nostro mare veneto). Erano bellissime e così invece del solito branzino o gambero...ho optato per una ricetta aromatica e fresca a base di sarde venete, fiordilatte e...confettura!
Dite che piacerà al fratellino? Magari con una bella insalatina di contorno per non appesantirci.



 
Ingredienti per 4 persone
Difficoltà: facile
500 gr di sarde fresche della Barca del giorno
5 carote fresche
100 gr di farina di mandorle
1 mozzarella da 125 gr
Origano secco
Sale
Olio evo Riviera ligure dop
1 vasetto di confettura di limoni o arance

Preparazione:
Eviscerate le sarde e lavatele sotto l’acqua. In un piatto preparate la panure di farina di mandorle, scorzetta di limone, sale e origano. Passate le sarde nella farina e fatele cuocere per pochi secondi in una padella antiaderente calda e con un filo d’olio. Giratele e lasciatele riposare su un piatto. Farcite ogni sarda con una fetta di fiordilatte e un cucchiaino di confettura di limoni. Chiudete con una seconda sarda. Nel frattempo lavate le carote e con un pelapatate ricavate delle tagliatelle larghe che condirete con olio e sale. Preparate ora il tagliere adagiando sul fondo le tagliatelle di carote e i sandwich di sarde e fiordilatte al profumo di limone.



Post realizzato in collaborazione con Pam e Panorama

15 commenti:

mariangela ha detto...

Ma siiii il fratellino si leccherà i baffi con questa ricetta che prima di tutto è scenografica e poi sarà buonissima!

Speranza ha detto...

Sicuramente buono, ma non alla portata di tutti i palati!

Alice ha detto...

Certo che ne fate di publicità a negozi, marche strane, vini, ristoranti... ogni articolo sembra uno slogan...

Federica ha detto...

ma quanto lo coccolate sto fratello?? lo sa di essere molto fortunato? se non lo sa glielo diciamo noi! bella ricettina agrodolce da provare...

peppe ha detto...

io penso che il fratellino apprezzerà questo originalissimo piatto. E' bellissimo solo a guardarlo, è colorato e sicuramente molto gustoso. Nello stile veloce ma mangio sano e buono. brava angela per l'utilizzo delle sarde che oramai sono spesso relegate a pesce di scarto o pesce povero , senza sapere che in quel pesce povero c'è tanta bontà e tanta salute. Cerchiamo di utilizzare di piu' il pesce azzurro e promuoviamone il suo consumo proprio realizzando ricette sfiziose e colorate come questa di oggi. un caro saluto peppe

Lulù ha detto...

Che bontà!!! Mi piace moltissimo l'abbinamento, sarde, mozzarella e confettura di limoni...squisito! Poi la sarda impanata e fritta, con quella sua croccantezza, è ottima con la morbidezza della mozzarella! Mi sa che a breve le farò. E poi, è anche un piatto economico, che se presentato come hai fatto tu, diventa di grande effetto. Complimenti!

Elisina ha detto...

questa ricettina mi stuzzica parecchio...e poi la presentazione è di grande effetto :)

Angela Maci ha detto...

@Alice: io non credo siano slogan. Ma piuttosto consigli. Prodotti in cui prima di tutto crediamo noi e poi li suggeriamo a voi. Nel caso di oggi, lo sapevi che ci sono supermercati che fanno una campagna a favore dei prodotti freschi, nostrani? A mio avviso, noi blogger abbiamo il compito di divulgare queste notizie. Che siano aziende con cui lavoriamo (e se ci lavoriamo è perchè ci crediamo) o semplicemente prodotti che ci piacciono, che ci sentiamo di consigliare.
Non sono slogan ma consigli.
Buona giornata.

@Speranza: So che la confettura non è un gusto semplice da capire ma anche senza, sono buonissime. Credimi. Te le consiglio.
Buona giornata

@Mariangela, Federica, Elisina: Eh si ragazze...questo fratellino ce lo coccoliamo e lo prendiamo per la gola.Grazie per i complimenti e vi consiglio di farla. Davvero particolare. Si può sostituire anche con le alici se preferite. Economica e d'effetto.

@Lulù, Peppe: avete colto perfettamente il messaggio di questo piatto:rivalutare il pesce azzurro con creatività e gusto. economico, croccante e morbido con una nota acudula del limone.
Buona giornata ragazzi e grazie

Martino ha detto...

Angela... Ma è fantastico questo piattinooooooo!!! =)
Cavolo, non ho in casa le sarde, sennò questi per pranzo erano perfetti!
Amen, sarà per un'altra volta...
Sai che un paio di giorni fa ho pubblicato la ricetta della tua (meravigliosa) focaccia sul mio blog? :D
Se puoi, e se ti fa piacere, passa, e dammi un giudizio! ;P

Un bacione, insieme ad un abbraccio fortissimo!!!

Martino

salamander ha detto...

una leccornia!

Giusy ha detto...

mamma mia che bontà ho l'acquolina in bocca...gnam gnam!

peppe ha detto...

tornando sull'argomento pesce azzurro vi segnalo un articolo interessante di DAVIDE OLDANI su cucina italiana di giugno. Questo a testimoniare che i pesci poveri contribuiscono a realizzare grandi piatti. un caro saluto, peppe

Andrea.unreporteraifornelli ha detto...

Bella ricetta, la confettura al limone è il tocco in più!
Io al compleanno di mia mamma ho azzardato dei filettini di sgombro (sembravano sarde tanto erano piccini) con panatura al prezzemolo e limone serviti con delle quenelle di stracciatella...buoni!

Angela Maci ha detto...

@Salamandar, Giusy:Grazie ragazze, da provare con e senza confettura. In base ai gusti.

@Grazie Peppe per l'articolo, vado in edicola...

@Andrea: Buoniiissimiii direi mio caro, con la stracciatella. Io e Chiara siamo entrambe a favore del pesce con i latticini.

Martino ha detto...

Angela, corro anch'io subito in edicola... Non mi perdo un numero della Cucina Italiana, e se l'articolo di Oldani è un motivo in più per prenderla!
Ieri ho provato la tua ciambella, se vuoi vedere come è venuta è sul mio blog... =)
Scherzi a parte, ci farebbe un piacere immenso... :D
Ciao, e buona serata!

Martino

Ti potrebbe interessare:

Related Posts with Thumbnails