venerdì 6 luglio 2012

Le Grand Fooding 2012.

Bastava il nome per capire che quest'anno, Le Grand Fooding, sarebbe stato figo.
Pelle all'arrabbiata. Un'istantanea schietta e vivace del meglio del 2012, all'incrocio tra il boulevard dello Stile e il viale della Bontà. 



Come scrive Alexandre Cammas, organizzatore dell'evento, il progresso deve essere anche COOL.
E un gruppo di ragazzi à la page e di uomini arrabbiati, cresciuti tra fast food e dandismo rock, decide di mescolare cibi e stile: provocatori si, ma soprattutto militanti. 




Il menù?
Wrap di cuore d'agnello, yogurt di pecora e acciughe di James Lowe e Isaac Mchale - The Young Turks - Londra

Lecca Lecca di polipo e pancia di maiale di Eugenio Roncoroni e Beniamino Nespor - Al mercato - Milano (decretato mio piatto preferito)




L.A. Street Cron di Jon Shook e Vinny Dotolo - Animal - Los Angeles



Sandwich di pastrami di lingua di manzo, uova di trota e salsa di dragoncello di Jerome Bigot - Les Gres - Lindry

Manzo crudo su pane grigliato con midollo sott'aceto, germogli d'aglio orsino, crescione e rafano  di Wade Brown e Andreas Dahlberg - Bastard - Malmo

Kebab d'anatra con ketchup di carote e maionese tartufata di Matteo Torretta - Visconti street food/Al V piano - Milano




Gelati della gelateria Bedussi, Brescia
Caffè Nespresso




E tra tatuaggi finti (che io ho esibito entusiasta), bracci di ferro (che ho fatto rischiando di perdere l'uso del braccio) e gioco delle tre carte (che ho evitato per rinomata mia sfiga), il contesto era tremendamente azzeccato.



I Red Hot Chili Pepper a completare il quadro, già perfetto.

La pioggia, ormai affezionata all'evento in questione, rendeva tutto "so street". 

E io, come mio solito, dopo 5 flute di Veuve Cliquot, ho aspettato mi cacciassero per uscire. 
Ma sarei rimasta, in quella "street". Lo giuro.


8 commenti:

Giovy ha detto...

Lo street food è una di quelle cose che adoro provare sempre.
Io non sopporto Milano ma quando leggo di eventi simili mi piacerebbe proprio poterci venire così... in dieci minuti di metro.

Anonimo ha detto...

ehm, so che sto per dire una eresia, ma il menù è un po' troppo trucido, troppa carne, troppe cose che mi rabbrividiscono. diciamo che di tutto avrei preso solo quei cinque calici di Veuve Cliquot :-)

Nelly ha detto...

Invidia pura. Anche io dovevo venire, ma purtroppo non ce l'ho fatta.
Bellissimo post Chiara, come sempre ovviamente ;)
Buon weekend
Nelly

Christian ha detto...

Roncoroni in ascesa!!! Ma cosa ci facevi ieri sera in Largo la Foppa tutta elegante con l'amica ricciolona... :-)

Chiara Maci ha detto...

ahahaha eri tu quello che ha urlato "la Maci" ?

Christian ha detto...

No, no... ero in macchina ed avevo il verde. La scorsa volta che ti ho incrociata in stazione centrale mi si sono chiuse le porte dell'ascensore, ora il verde con le auto dietro che spingevano.. :-) comunque commento di una donna, mia moglie, la televisione non rende giustizia..!

Chiara Maci ha detto...

quindi è destino che non dobbiamo incontrarci! ringrazia tua moglie comunque...la tv imbruttisce tutti, è vero :-)

unmetroquadrato.com ha detto...

Mi spiace proprio non essere venuto...me ne sono accorto tardi...

Ti potrebbe interessare:

Related Posts with Thumbnails