giovedì 6 settembre 2012

Il panino giusto per la scuola

L'estate sta finendo e un anno se ne va, sto diventando grande lo sai che non mi va...diceva una canzone di qualche anno fa e se ricordo quegli anni ripenso alla fine delle vacanze, del divertimento con gli amici e del dolce far niente. Ma ripenso anche all'inizio della scuola, alla felicità di rivedere i miei compagni, al diario nuovo da comprare e imbrattare ancor prima di entrare in classe e alla curiosità di conoscere i nuovi prof, alla consapevolezza di diventare grande.
La settimana prossima moltissime scuole italiane apriranno le loro porte a bambini e ragazzi.
Io quest'anno sono particolarmente coinvolta perchè da mamma vivrò il primo giorno di scuola di entrambi i miei bimbi: 1° scuola materna e 1° elementare. Mi sembra di essere tornata indietro di 30 anni e rivivere l'emozione, i pianti, il grambiulino nuovo, lo zainetto e i compagni.
Ma oggi da mamma cosa preparo per la merenda dei miei bambini? Quello che mi preparava la mia mamma, ovvio. Un panino fatto in casa con ingredienti genuini e sani come sottolineava lei.
Qualche mese fa vi avevo proposto il mio panino d'autore con il prosciutto crudo di Parma Negroni per un aperitivo in riva al mare con gli amici.
Oggi per voi, un panino d'autore dedicato ai bambini e al rientro a scuola.
Focaccine alla zucca con il prosciutto cotto Negroni, la crescenza e i piselli, ingredienti che i bambini adorano.
Che ne dite? Con questo panino incominceranno alla grande?


Focaccina alla zucca con prosciutto cotto, crescenza e piselli.

Ingredienti: per 8 focaccine (medio grandi)


500 gr di farina manitoba
200 gr di farina 00
100 gr di burro fuso
50 gr d'olio evo
1 cubetto di lievito di birra 25 gr
1 cucchiaio di zucchero
200 gr di zucca al forno (avevo una zucca da 800 gr)
sale
acqua tiepida
Per il ripieno:
prosciutto cotto Negroni
crescenza
piselli al vapore


Lavorate insieme nella planetaria o in una terrina le farine con il lievito sciolto in poco latte o acqua tiepida. Aggiungete la zucca tiepida (che avrete fatto cuocere in forno per 15 minuti), il burro fuso, l'olio e il sale. Impastate bene con il braccio impastatore o con le mani e aggiungete un po' d'acqua per rendere elastico e soffice il composto. Fate riposare il composto in una coppa in ceramica dai bordi alti per 1 ora e mezza.
Formate delle focaccine tonde e con le mani fate dei buchi come per la più classica delle focaccie. Fate lievitare per un'altra mezz'ora. Infornate per 30 minuti a 180°. Riempite di 2 fette di prosciutto cotto, un pezzetto di crescenza e un cucchiaio di piselli al vapore. I vostri bambini l'adoreranno (e non solo loro)

27 commenti:

Lara Bianchini ha detto...

Il panino è una delizia... ma che i bambini adorino i piselli, ecco... la trovo un pochino forzata ;-) Almeno non i miei.

Chiara Maci ha detto...

i miei nipotini si trattano sempre bene eh...e la zia?
baci sorellina

Chiara Maci ha detto...

i miei nipotini si trattano sempre bene eh...e la zia?
baci sorellina

peppe ha detto...

Capisco la tua emozione...l'ho vissuta anche io lo scorso anno!per il panino che dire meglio di così..i miei non l'avrebbero gustato tanto con i piselli, infatti apppena vedono qualcosa di strano iniziano a "sezionarlo chirurgicamente" togliendo cio' che ritengono "estraneo" ai loro gusti del momento. Io onestamente un panino così lo mangerei volentieri, anzi grazie per l'idea. un abbracci, Peppe.

Anna ha detto...

Forse abbiamo i bambini strani, ma anche i miei da piccoli adoravano i piselli, certo quelli piccolini, teneri e di marca, ma li divoravano.

Federica ha detto...

i miei figli adorano le verdure, soprattutto i piselli... io li farei in crema però così non sgusciano fuori al primo morso o anche prima del morso...
io la scuola l'ho anche odiata ma per i prof. non per i compagni... speriamo ai miei figli vada meglio!
io a loro do di merenda panini al latte con prosciutto cotto o crudo o salame... formaggio spalmabile o crescenza... dipende dalle loro voglie..

Dott. Gabriele Bernardini - Biologo Nutrizionista ha detto...

Parlo da nutrizionista: a me pare che chiamare "merenda" un panino che si aggira attorno alle 500-600calorie sia azzardato, parlando in maniera eufemistica sia chiaro...
Il vostro é un blog molto seguito e anche apprezzabile dal punto di vista gastronomico, ma un occhio al contenuto sarebbe auspicabile sopratutto su certi argomenti.
In Italia abbiamo i bambini più obesi e malati d'Europa e mi meraviglio che ancora non si sia raggiunto un minimo di consapevolezza alimentare in particolar modo quando si parla di bambini!
Un panino del genere sono 4-5 merende in un colpo solo! Per non dire che i salumi dovrebbero essere consumati con estrema oculatezza (le linee guida nazionali e mondiali parlano di 100g massimo alla settimana). Insomma occhio a quel che si dice perché qui si parla anche di salute.
Questa vuol essere una critica costruttiva, spero lo capiate.

Angela Maci ha detto...

@Lara: sai mia cara, parlo per esperienza personale. I miei li adorano, sarà per la forma e il dolce sapore. E poi ti dirò che la maggior parte dei bimbi che ho conosciuto non hanno mai disdegnato. Bene direi.

@Chiara: Ti aspettiamo sabato zietta!

@Peppe: e chi non convive con le operazioni chirurghiche nei piatti dei propri figli? Ma passerà anche questa...buona giornata.

@Anna: si forse strani ma ti dirò, nella scuola di mio figlio tutti i bambini mangiano le verdure classiche e questo è un bel risultato direi. I miei figli si dividono: il secondo mangia tutto, vale a dire anche cavolfiori e cetrioli. Il mio primo i piselli è l'unica cosa verde che addenta. Un bacio

@Fede:la crema è una buona idea ma con il mio figlio maggiore non funzionerebbe,lui non ama le "cose verdi" ma i pisellini li mangia perchè sono palline piccole e tonde.Un bacio


@Dott Bernardini capisco il suo punto di vista e lo condivido. Ma a tale proposito mi sembra un po' esagerato parlare di obesità. Io non incentivo le mamme a fare questi panini tutti i giorni ai proprio figli ma di tanto in tanto un buon panino fatto in casa piuttosto delle merendine piene di conservanti lo trovo molto più nutriente e sano. I miei figli variano la loro alimentazione anche a merenda (dallo yogurth, al latte con i cereali ai biscotti al panino qualora facessero sport o quant'altro). A mio avviso sta al genitore dare una regola alimentare al proprio figlio. Un panino del genere a me non sembra sia fatto con ingredienti nocivi e le dimensioni non rappresentano 4-5 merendine mi creda. Grazie per la critica costruttiva. Ma le ripeto, sono proposte, ricette da fare di tanto in tanto e vanno prese per tali.

Dott. Gabriele Bernardini - Biologo Nutrizionista ha detto...

di tanto in tanto niente fa male, ma mi creda lei, ho fatto i conti in base alle sue dosi e un panino ha COME MINIMO 500 calorie, probabilmente di più perchè non so quanto prosciutto e crescenza ci mette.
una merenda per un bambino (ma anche per un adulto) deve variare fra le 100 e le 200 calorie, perciò...

Non è esagerato parlare di obesità perchè il 36% dei nostri bambini sono obesi o in sovrappeso. E' un problema grandissimo e ci vuole una corretta informazione.

E' moooolto meglio una merendina da 100calorie (che di conservanti non ne vede neanche l'ombra glielo assicuro e anche se fosse i conservanti non mordono) e un po' di latte che un meraviglioso panino fatto in casa da 500calorie mi creda.

comunque grazie per avermi risposto e scusi se mi sono infervorato ;o)

Chiara e Marco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Chiara e Marco ha detto...

Bellissimo questo panino :) molto colorato e gustoso :P Sarebbe perfetto per il contest sul nostro blog ;)

Marco di Una cucina per Chiama

Giuditta ha detto...

@nutrizionista: se i ragazzi fanno sport non vedo il problema.Si possono ridurre un po' le quantità casomai,ma non sappiamo cosa mangiano nei pasti rimanenti.Inoltre le merendine a 100kcal non esistono,poi sono piene di grassi vegetali ed eccedono in zuccheri,vanno giù in due miorsi e non procurano sazietà a lungo.La composizione del cibo conta più del solo apporto calorico e i numerosi bambini obesi sono sedentari,non educati al movimento,senza passioni e spesso mangiano solo patatine,pizza al taglio stra-unta ecc, bevono tutto fuorché acqua oltre a non muoversi mai.

Dott. Gabriele Bernardini - Biologo Nutrizionista ha detto...

@Giuditta é ovvio che si debba valutare l'apporto calorico globale della giornata e la quantità di movimento, ma a prescindere da questi fattori una merenda NON può arrivare a "pesare" 600calorie o più. Perché la merenda ha la funzione di spezza fame e non di pasto quasi completo come é un panino del genere.
Le merendine da 100calorie esistono eccome e pur dovendo limitare il consumo di dolci, lo ripeto, é estremamente più sana una piccola merendina o qualche biscotto del mega panino in questione semplicemente perché apporta MENO calorie. Inoltre non mettiamoci a parlare di qualità perché consumare salumi in quelle quantità espone chiunque ad un rischio tumorale e cardiovascolare enorme, figuriamoci un bambino. Mangiar bene non significa mangiare cose ritenute"genuine" solo perché non industriali....é un pochino più complesso...

Giuditta ha detto...

@nutrizionista: d'accordo sul contenere l'uso dei salumi, ma continuo a pensare che siano rare le merendine adatte allo scopo, vedasi contenuto in grassi saturi (olio di palma), zuccheri semplici ecc. A presto con nuovi confronti !

eleonora ha detto...

io penso che neppure il prosciutto negroni sia un prodotto sano e non industriale! perché allora, invece che proporre un modello di femminilità anni 50, e poi fare pubblicità ai grandi marchi che hanno rovinato i gusti alimentari di generazioni (vogliamo parlare di ciò che mettono dentro i formaggini tigre?!), come si fa spessissimo su questo blog, non si parla di prodotti davvero genuini, per esempio comprati dagli agricoltori bio nei mercati dei produttori che stanno sorgendo in tutte le città?

Giuditta ha detto...

@eleonora: personalmente sono un'assidua frequentatrice di mercati del contadino, non necessariamente BIO (anche quello è un business non da poco...).
Leggo sempre la lista ingredienti di ciò che acquisto ma una fetta di prosciutto crudo o culatello la mangio volentieri, non sempre ovviamente.
@Angela: grazie per ospitare la
nostra discussione sul tuo blog :-D

fromkitchenwithluv.com ha detto...

Sono cresciuta a pane e prosciutto e pane e salame a merenda, per non parlare del pane burro e zucchero che mi preparava la nonna. Ho 21 anni, peso 48 chili per 160 cm d'altezza. Certo, durante i pasti principali non mi rimpinzavano con parmigiane stra-unte o fritti vari. Tornavo da scuola e una merenda sostanziosa mi faceva affrontare carica lo studio. Niente obesità, niente tumori, nessuna patologia cardiovascolare. Al contempo non sono mai stata una fan delle merendine o delle patatine fritte. In ogni caso trovo strano che, di fronte alle continue critiche verso snack e tortine in merito alla disputa sull'obesità e tutto ciò che ne deriva, un nutrizionista le vada a preferire ad un panino ricco, corposo, ma fresco e casalingo. Stiamo attenti anche quando parliamo di cibo casalingo e di salute, perchè non ho mai saputo che un bel paninazzo ogni tanto sia mai stato causa di tumori o altre patologie importanti. Le mie analisi del sangue erano e sono da incorniciare, e di quei bei panini non mi porto dentro tumori o malattie varie, ma l'amore con cui mia mamma me li preparava. Sta ai genitori dare delle regole alimentari ai figli. In questo caso non credo sia il caso di criminalizzare un buon panino occasionale pieno di calorie e di cuore di mamma.

Comunque, complimenti per la ricetta, è già nella lista delle merende che un domani farò ai miei figli e che, nel frattempo, mi gusto io :)

Dott. Gabriele Bernardini - Biologo Nutrizionista ha detto...

@ fromkitchenwithluv.com

Con l'amore della mamma purtroppo non si fa la scienza! Le tue sono bellissime parole ma non hanno nessun significato scientifico.
Non sono io che mi invento le cose. Esistono ormai studi scientifici stra-confermati che mettono in guardia sul consumo eccessivo di carni conservate e per consumo eccessivo si intende più di cento grammi alla settimana. I salumi sono pieni di sale, grassi saturi, calorie e conservanti cancerogeni. Per questi motivi se ne sconsiglia un uso maggiore di quello che ho indicato.
Scusa ma ti considero troppo intelligente per non riuscire a capire che i possibili danni derivanti da una alimentazione errata non si manifestano certo a 21 anni!!
Le tue analisi sono certamente perfette, adesso....
Il consiglio é di ridurre il consumo di salumi e carni rosse che noi italiani mangiamo assolutamente in quantità sproporzionate. Poi ognuno è libero di fare ciò che desidera.
Ma per favore non tiriamo in ballo il discorso degli alimenti genuini e dell'amore della mamma. Le mamme e le nonne fanno danni che nemmeno ti immagini...

Dott. Gabriele Bernardini - Biologo Nutrizionista ha detto...

@eleonora
I prodotti bio non hanno nessun valore nutrizionale aggiunto rispetto a quelli dell'agricoltura tradizionale. Costano solo di più.

fromkitchenwithluv.com ha detto...

@Dott. Bernardini
In merito al fatto che i salumi, consumati in quantità eccessive e sopra una certa soglia scientificamente stabilita, mi trovo in completo accordo con lei. Infatti, nel mio commento, ho sottolineato il carattere occasionale di una merenda di questo tipo, non certo su base quotidiana. In risposta alla sua replica sulle mie analisi, le posso dire che si, ho 21 anni e sicuramente sono al momento meno soggetta ad avere voci quali trigliceridi o glicemia oltre i ranges. Ma all'interno dei suoi commenti, ha parlato di obesità infantile, patologia che può essere favorita da un utilizzo smisurato di alcuni ingredienti nella dieta del soggetto. Quindi parliamo di bambini che nonostante siano più giovani di me, hanno analisi piuttosto allarmanti. In ogni caso, parlando per esperienza personale (ho frequentato due anni di infermieristica pediatrica), sono entrata in contatto spesso, in reparto, con bambini in età scolare affetti da forme anche medio-gravi di obesità. Ma da una rapida anamnesi, sono risultate abitudini alimentari e stili di vita totalmente discordanti con le regole comportamentali basilari. E parliamo di consumo eccessivo e continuativo di alimenti ad alto contenuto di zuccheri e grassi saturi, pasti dal peso calorico superiore allo standard di età e vita sedentaria. Detto ciò, trovandomi comunque d'accordo con lei in merito ai rischi che comporta un'assunzione eccessiva di molti prodotti anche casalinghi, è mia opinione, credo condivisibile, la scarsa attinenza tra una merenda come quella in oggetto, proposta una tantum, e un configurarsi di obesità. Ringrazio per la sua risposta molto chiara e istruttiva e le auguro un buon fine settimana.

Dott. Gabriele Bernardini - Biologo Nutrizionista ha detto...

@fromkitchenwithluv.com

si, ho già ripetuto che una tantum niente fa male, ma visto il titolo del post "il panino giusto per la scuola" e l'assenza di indicazioni che potessero far capire che mangiare una bomba del genere dovesse essere un comportamento saltuario, ho ritenuto opportuno dire ciò che ho detto. Perchè vista così questa ricetta sembra una "istigazione a delinquere" e siccome molte mamme leggono questo blog, un piccolo consiglio pensavo fosse utile.
Ma visto che siamo tutti d'accordo va bene così ;o)

Cinzia T. - Mammarum ha detto...

Mi permetto di inserirmi anche io in questa discussione perchè la sento particolarmente "mia"!

Purtroppo noi mamme di oggi non abbiamo per niente chiaro cosa sia sano per i nostri figli! Me ne sono resa conto quando sono diventata mamma anche io ed ho messo a tavola anche la pupa...
da lì sono partita a leggere libri e libi sull'argomento, ed ho capito che molto di quello che è il credo comune (anche il mio!) sia totalmente errato!

Per esempio pensiamo che se facciamo in casa una torta con farina 00, zucchero e burro sia molto meglio che una merendina... e invece è molto poco sana anche una torta fatta così!! anche se fatta in casa!
Ma questo non vuole dire che dobbiamo mangiare solo carote e pane secco!!

Basta avere coraggio di sperimentare un po' di provare nuovi ingredienti e combinazioni!!

Dott. Gabriele Bernardini - Biologo Nutrizionista ha detto...

Un applauso a Cinzia! ;o)

La torta fatta in casa può andare benissimo se se ne mangia l'equivalente di una merendina e le merendine possono fare malissimo se se ne mangia l'equivalente di una torta fatta in casa!

L'aspetto positivo delle merendine è che hanno un'etichetta e sull'etichetta ci sono scritte le calorie della singola porzione. Sulla torta no. Anche se fatta con la miglior farina del mondo e il burro più pregiato.
Dobbiamo metterci in testa che la PRIMA cosa che fa male è mangiare troppe calorie (e quindi ingrassare).

eleonora ha detto...

beh, che il bio sia da preferire non mi sembra neppure da discutere... grazie mille che non apporta valori nutrizionali diversi, menomale!, ma evita di riempire la frutta di prodotti chimici e gli animali di mangimi non vegetali e di farmaci... non è questione di business o di mode, è una scelta di salute e di rispetto verso noi stessi e verso la natura. perciò non mangio i salumi negroni o il formaggino tigre!

Dott. Gabriele Bernardini - Biologo Nutrizionista ha detto...

Eleonora, pensi che invece il salame fatto dal norcino sotto casa sia più sano del Negroni, se eccedi nel consumarlo?
I pesticidi non stanno né sui prodotti bio, né su quelli tradizionali. Questo é poco ma sicuro.
Il bio non é più sicuro del prodotto tradizionale, lo dicono i dati dei controlli di sicurezza non io.
Il bio può essere migliore dal punto di vista della salute ambientale non certo della nostra.

Elena M. ha detto...

già mi li vedo quei piselli in giro per la classe!
non confondiamo la merendina delle 10 con un pranzo!
in questo caso basterebbe la focaccina, senza ripieno.
Certo che contestare un nutrizionista...
cercate di essere più obiettive.
buona giornata da una maestra che ne vede di tutti i colori...

Simone Giacomelli ha detto...

Grazie per i tuoi consigli, Chiara, assolutamente da seguire. Aldilà di chi parla per fare un po' di pubblicità alla propria professione, questo é un ottimo spazio. Mi raccomando, non confondiamo l'educazione alimentare con i calcoli di calorie, proteine, carboidrati, aspettiamo di essere sotto una Bio-sfera! É ormai appurato che la prima medicina é l'alimentazione, ma l'alimentazione non può essere separata dal rispetto del corpo, quindi attività fisica e dal rispetto del massimo produttore di cibo, la Terra, quindi il biologico come educazione olistica alla Vita. Non é la merendina che fa male, ma il fatto che dare una merendina ci toglie tante responsabilità. Comunque i piselli i miei bimbi li mangiano solo se micronizzati nel potage o nel passato :-)

Ti potrebbe interessare:

Related Posts with Thumbnails