martedì 21 maggio 2013

Welcome in Israel!











Scrivo ora, in piena notte, solo per aggiornarvi sul mio arrivo in Israele.

Direttamente da Milano, tre ore di volo fantastico, un hummus delizioso a tenermi compagnia durante il pranzo e, a parte i dovuti controlli in aereoporto, arrivo veloce e semplice!
Chissà perchè, nella mia testa, ero convinta che ci volessero molte più ore ... beh, ottimo quindi per tornare più spesso!
Ad attendermi, la mia guida Isacco che ho scoperto parlare benissimo italiano.
Potete immaginare la mia gioia :-)

Questa sera, per iniziare il tour gastronomico, sono stata a cena a Jaffa, a pochi chilometri da Tel Aviv, in un ristorante chiamato Cordelia con Anat Ben-Yosef, dell'ufficio marketing del Ministero del Turismo.
Erano mesi che aspettavo questo viaggio. Negli ultimi anni i viaggi li ho scelti, davvero. Perchè non volevo viaggiare, tanto per farlo, ma volevo scoprire culture diverse e gastronomie uniche.
Il menu, improvvisato dallo chef Nir Zuk, creativo con un ottimo kebab di pesce, dolci sensazionali e formaggi dalla cremosità unica. Tutto rigorosamente home-made. Dal pane, ai formaggi, al vino.
A voi qualche scatto del ristorante, dei piatti e di Jaffa.









Tel Aviv, dalla finestra del mio hotel, sembra un incanto e io non vedo l'ora di godermi ogni suo angolo (prima di passare a Gerusalemme dove so già che lascerò il cuore).
Domattina presto mi aspetta lo chef Mena Strum che mi porterà in giro per i mercati di Tel Aviv e subito dopo incontrerò Micheal Ansky, personaggio televisivo molto conosciuto in Israele e giudice di Masterchef Israele.

Insomma, vado a nanna perchè domani mi aspetta una grande, prima giornata!

A domani
C.

3 commenti:

Francesca Panozzo ha detto...

Non hai idea di quale nostalgia può suscitare la lontananza da Israele... Non vedo l'ora di leggere le tue impressioni sul machanè yehuda, il mercato di Gerusalemme...
Buon viaggio
Francesca

Marcello Costabile ha detto...

Israele è una terra meravigliosa, controversa, affascinante, goditi il viaggio. Ah, il khebab mangiato al mercato di Gerusalemme... un posto lercio che più lercio non si può ma è pura poesia!

Flora ha detto...

Cara Chiara, scrivo un commento per la prima volta, seguo il tuo blog da qualche giorno ma ti conosco da diversi anni, attraverso C&F.
Sono una blogger anche io, ma di tutt'altra natura. Però mi diletto in cucina e devo dire che le mie frontiere si stanno allargando e non hanno più confini proprio grazie alla rete. Così come la mia vita :-)
Ho poche occasioni per viaggiare perciò cerco di assorbire il più possibile dagli altri: faccio tesoro di impressioni ed emozioni per goderne un poco anche io.
Mentre qui in Sardegna diluvia, e per la casa si spande il profumo delle tue lasagnette vegetariane, penso a te nel mercato di Gerusalemme, e mi sento un po' felice :-)
Seguirò le "sorelle in pentola" con piacere :-)
Un abbraccio,
Flora

Ti potrebbe interessare:

Related Posts with Thumbnails