lunedì 26 ottobre 2015

Oggi è andata così

Mi capita ogni tanto, quando sono a casa e lavoro al computer, di dimenticare il tempo che passa e  ritrovarmi alle mezzogiorno a non aver ancora idea di cosa fare da mangiare. Soprattutto quando scrivo, mi lascio trasportare, dimenticando il resto.
Ma il resto è parte del mio quotidiano, il resto è una famiglia che torna da scuola, dal lavoro con tanta fame, il resto è una tavola da imbandire, il resto è importante. Allora apro la dispensa (l' amica che non mi tradisce mai) e trovo sempre qualcosa di buono da mettere in tavola.
Oggi è andata così. Dovevo finire due articoli e mi sono ritrovata con un pugno di pomodorini, un pacco di fusilli al farro e una bottiglia di olio speciale (di cui vi parlerò presto, perché merita) e ho fatto un sughetto leggero e saporito aggiungendo il vasetto di palamita sott'olio (fatti da mia madre) che avevo in frigo.
Sarà stato improvvisato, sarà stato un piatto dell'ultimo momento ma quando la materia prima è buona basta poco per far felice tutta la famiglia...
E adesso torno ai miei articoli.



Ingredienti per 4 persone
400 gr di fusilli al farro
15 pomodorini datterini
origano secco
1 vasetto di palamita sott'olio
80 ml di condimento olive e limoni Coppini
sale
scorzetta di 1 limone non trattato

Mentre l'acqua della pasta raggiunge il bollore, lavate i datterini e tagliateli a pezzetti. In una padella fate soffriggere lentamente uno spicchio d'aglio con il condimento al limone e olive (molto profumato) e aggiungete i pomodorini. Salate e cuocete per pochi minuti, aggiungete la palamita a pezzi, l'origano e la scorzetta di limone. Quando i fusilli saranno al dente, dopo 7 minuti, amalgamateli con il sugo e aggiungete un filo di condimento al limone che farà la differenza.

Il vino che vi consiglio?
Il Lugana  Doc 2012, un vino che nasce al confine tra Veneto e Lombardia, nelle province di Verona e Brescia.
Vino bianco fermo ottenuto da uve in purezza di Trebbiano di Lugana, chiamato anche Turbiana.
Ho assaggiato e abbinato a questo primo piatto dalle note fresche, agrumate,  un Lugana 2012 base, 13% il tenore alcolico, vinificazione in acciaio in questo caso (ma troveremo anche il superiore, il riserva, lo spumante e il vendemmia tardiva).
Giallo paglierino dai riflessi verdognoli.
Al naso equilibrato e fine. Note di fiori bianchi, mandorla e agrumi.
In bocca resta fresco, armonico, equilibrato, nota sapida elegante.





1 commento:

Sabrina ha detto...

Come sempre, una ricetta semplice e deliziosa!!
Un caro saluto
Sabrina
www.delizieeconfidenze.com

Ti potrebbe interessare:

Related Posts with Thumbnails