giovedì 26 febbraio 2015

Gamberi, seppie, ravanelli e agrumi...

Una signora insalata.
Di quelle belle, buone, sane, colorate.
Ne avete voglia?



Ingredienti: per 4 insalate
24 mazzancolle
8 seppie
2 arance
2 pompelmi
4 ravanelli
qualche ciuffetto di radicchietto (del mio contadino)
Insalata gentile

Eviscerate le seppie e sbollentatele per 2 minuti in acqua bollente salata. Resteranno tenere.
Sgusciate le mazzancolle e sbollentatele. Mettete da parte.
Pulite a vivo le arance e i pompelmi e con il succo del frutto create una citronelle con l'aggiunta di olio evo e sale (con cui condirete l'insalata).
Lavate bene il radicchio e i ravanelli.
Componete ora il piatto con le foglie di radicchietto, gli spicchi di arancia e pompelmo, le mazzancolle, le seppie tagliate a striscioline e i ravanelli affettati.
Condite con la citronette e gustatevi la vostra signora insalata.



martedì 24 febbraio 2015

Ciambella all'arancia (da fare assolutamente!)

Mi piace il suono della parola "ciambella". Mi fa venire in mente qualcosa di buono, dolce e soffice.
Mi piace pensare alla ciambella che preparava la mia nonna con lo zucchero in superficie.
Mi piace ricordare il profumo che usciva dal forno e raggiungeva le nostre camerette, quando penso a quella della mamma, con ricotta e uvetta.
Mi piace sorridere pensando all'ultima ciambella mangiata in Sicilia pochi giorni fa...con glassa al limone.
La ciambella è  davvero uno di quei dolci che sono cresciuti con me.
Nel blog ne troverete infatti  tantissime e di diversi gusti e forme. Ma quella di oggi è...è strepitosa.
Come nasce questa ricetta? Dal profumo dell'arancia spremuta questa mattina per colazione. Dalla voglia di creare un dolce casalingo, semplice ma con un gusto nuovo. Il gusto delle arance di Sicilia.


Ingredienti: per una ciambella
300 gr di Farina 00
150 gr di burro di buona qualità
150 zucchero
3 uova
200 ml si succo d'arancia e scorzetta grattugiata di 1 arancia
1 bustina di lievito per dolci

Per lo sciroppo:
2 bicchieri di succo d'arancia
1 bicchiere di acqua
fettine di arancia tagliata a vivo
4 cucchiai colmi di zucchero

 Preparazione

Se volete velocizzare i tempi ottenendo un ottimo risultato utilizzare il mixer o la planetaria.
Mettete le uova e lo zucchero e frullate. Aggiungete il burro ammorbidito. Unite il succo d'arancia e la scorzetta. Poi la farina e il lievito. Amalgamate bene.  Infornate per 30 minuti a 180°. Lasciate raffreddare e preparate lo sciroppo. In un pentolino unite l'acqua, il succo d'arancia, le fettine di un'arancia pelate a vivo e lo zucchero . Portate a bollore e aspettate che si crei uno sciroppo abbastanza denso.
Versate lo sciroppo sulla ciambella e...godetevi il meraviglioso momento dell'assaggio.

Abbinamento: Vi consiglio una tisana agli agrumi e zenzero.



venerdì 20 febbraio 2015

Scialatielli con carciofi, zenzero e limone

Una ricetta che dovete rifare.
Beh, come tutte le nostre ricette, certo. Ma questa è un insieme di freschezza, gusto, leggerezza e cremosità.
Con questo piatto faccio felici onnivori e vegetariani.
Ma soprattutto faccio felice me. Perché i limoni e i carciofi vengono da due isole meravigliose a cui sono particolarmente legata.
Sicilia e Sardegna.
Isole generose, isole belle, isole ricche, isole da amare.
Vi parlerò presto del mio viaggio in Sicilia, vi parlerò presto di Marsala,  di Palermo e di Castelbuono.
Vi parlerò di persone meravigliose che ho incontrato nel mio cammino e vi farò sognare con i piatti assaggiati e i luoghi visitati.
Il tempo di scaricare le foto e condividerle con voi. Il tempo di preparare qualche ricettina siciliana che mi hanno insegnato e assaporarla con voi.

Ma adesso torniamo in cucina...



Ingredienti: per 4 persone
400 gr di scialatielli (formato di pasta napoletano)
4 cuori o fondi di carciofo
1 limone non trattato
zenzero fresco
80 gr di parmigiano reggiano
olio evo
1 spicchio d'aglio
sale

In una padella fate rosolare uno spicchio d'aglio con un po' di olio evo. Tagliate a spicchietti i fondi dei carciofi e uniteli all'aglio. Aggiungete un bicchiere d'acqua, un po' di zenzero grattugiato e il sale.  Lasciate cuocere finché i carciofi si saranno inteneriti. Trasferiteli in un piatto e nella stessa padella preparate un'emulsione di parmigiano reggiano, acqua di cottura (degli scialatielli) e olio evo. Mescolate e amalgamate bene. Scolate gli scialatielli e uniteli all'emulsione di parmigiano, i fondi di carciofo e zenzero. Terminate con scorzetta di limone grattugiata.

Vino consigliatoGibelè IGT   Azienda Pellegrino- Marsala (Sicilia)
Vino bianco secco, da uve zibibbo, fresco, persistente, con note di agrumi, frutta gialla.

giovedì 19 febbraio 2015

Stecco-burger!

Un'idea diversa. Perché quando si hanno bambini, una mamma deve sfoderare tutta la creatività possibile anche in cucina.
E oltre ai burger di  pesce e verdure  e a quelli di tofu ( per variare un po' l'alimentazione) ho pensato di preparare dei burger di pollo e prezzemolo e infilarci un bastoncino.
Successone! L'hanno mangiato con le mani, i bambini adorano mangiare con le mani, sullo stecco  come un gelato. E l'ho accompagnato ad un purè di patate di montagna.
Un pasto completo, sano e divertente.


Ingredienti: per 4 persone
500 gr di petto di pollo macinato
100 gr di parmigiano Reggiano
prezzemolo
sale
500 gr di patate di montagna
150 ml di latte
una noce di burro
olio evo

 Pelate le patate e tagliatele a pezzetti. Mettetele in una pentola con il latte e il sale e fate cuocere a fuoco basso per 20 minuti. Quando le patate si saranno amalgamate al latte, con un mixer ad immersione create una purea che andrete ad arricchire con il burro e 50 gr di  parmigiano.
Preparate ora i burger di pollo amalgamando il macinato con il prezzemolo, il parmigiano e il sale. Formate i classici burger tondi e allungateli leggermente con le mani, infinate 4 stecchi da gelato e fate cuocere in padella con un po' di olio evo fino a quando non saranno dorati da entrambi i lati.
Servite accanto al purè di patate.






martedì 17 febbraio 2015

wok di verdure!

Una ricetta sana, leggera, a base di sole verdure!
Un contorno sostanzioso ma anche piatto unico eccellente! Può sembrare banale ma quanti di voi con un finocchio e mezzo cappuccio non sanno come mettere a tavola un contorno. A me capita spesso di ricevere domande di aiuto proprio per i contorni, soprattutto in inverno.
Eppure il nostro paese è ricchissimo di ortaggi meravigliosi, basta un'idea. Ed io sono qui per darvela!
Che dite, vi va di seguirmi in cucina???




Ingredienti per 4 persone
2 finocchi
1 cavolo cappuccio
germogli di soia
mais in scatola
olio evo delicato
sale
aceto balsamico invecchiato, di Modena

Lavate i finocchi e tagliateli a fettine. Poi in un wok ben caldo aggiungete un po' di olio evo o se preferite anche olio di semi di girasole e i finocchi. Fate cuocere a fiamma alta, mescolando di tanto in tanto, unite poi i germogli di soia e il mais scociolato. Fate saltare come nella cucina orientale. Aggiungete per ultimo il cavolo cappuccio e il sale.
La cottura è di 8 minuti. Le verdure non devono lessarsi ma cuocersi restando croccanti e il wok è la padella giusta per questo tipo di cottura!
Condite con qualche goccia di aceto balsamico invecchiato e gustate il vostro wok di verdure! Veloce, sano e vegetariano.


giovedì 12 febbraio 2015

Veggie burger

Vi avevo promesso la ricetta di questo veggie burger e allora eccomi qui da voi.
Ce ne sono di tantissime varianti, con le verdure, i legumi, la soia ma oggi per voi e per i miei bimbi ne ho preparato uno di tofu e cereali. Per variare anche la loro alimentazione, per non proporre sempre le stesse cose e per mangiare sano. Insieme.
Pronti per seguirmi in cucina?




Ingredienti: per 4 persone
4 Panini al latte
4 pezzetti di tofu naturale da 180 gr
600 gr di spinaci freschi
1 spicchio d'aglio
riso soffiato (per la panatura)
olio di semi di arachidi
Ketchup e salsa di soia  (per la marinatura)
500 gr di  patate novelle
sale
olio evo
rosmarino

 In un piatto unite il ketchup alla salsa di soia e aggiungete i pezzetti di tofu. Dovete immergerli in questa salsa e farli riposare in frigorifero per almeno 3 ore. Più riposa, più il tofu si insaporirà.(Operazione che potrete fare anche la sera prima).
 Iniziate  poi ad impanare le 4 fette di tofu  nei cereali. Schiacciate bene affinché i cereali si attacchino bene al tofu (io ho scelto un riso soffiato dalla grana piccola ma andrà benissimo anche il riso soffiato classico). Disponete i burger su una teglia rivestita di carta forno e irrorate con un po' di olio di arachidi e sale.
Nel frattempo lavate bene gli spinaci e fatevi stufare con uno spicchio d'aglio e un po' d'olio in una padella. Lasciate appassire e salate.
Pelate le patate, se non avete patate novelle, potrete ricavarle dalle patate grandi, lavorandole con uno spelucchino a lama curva. Disponetele in una teglia con  olio evo, sale grosso e rosmarino e infornate per 30 minuti.  (io solitamente passati i primi 10 minuti, inforno anche i burger che hanno bisogno di 20 minuti di cottura per dorarsi e diventare croccanti).
Preparate ora il veggie burger scaldando leggermente i panini, riempendoli con spinaci all'aglio e burger di tofu. Accompagnate con patate al forno e se preferite una salsa a vostra scelta.

Un modo nuovo, gustoso e saporito di preparare il tofu e soprattutto il burger!

venerdì 6 febbraio 2015

Un po' come noi e voi

Una cassetta di arance arrivate dalla Sicilia e la voglia matta di assaggiarle.
La voglia di preparare qualche  semplice ricetta e il desiderio di condividerla con voi.
Sempre.
Se solo non ci fosse questo schermo che ci divide, vi inviterei a pranzo tutti i giorni. Mi piace l'idea che mentre cucino penso anche a voi, a chi mi legge, a chi da 5 anni continua a seguirci e a sperimentare i nostri piatti, a condividere i nostri pensieri, a scriverci messaggi affettuosi, a sostenerci. Sono queste le cose che mi tengono ancorata a Sorelle in Pentola.
E' il legame che ho costruito in questi anni con voi, è il sapere che al di là di questo schermo voi ci siete e respirate quello che c'è dentro questo blog, questo genuino, familiare angolo mio e di Chiara.
Volevo solo dirvi questo. Volevo ringraziarvi perché se siamo qui è anche merito vostro. Un blog non si costruisce da soli ma assieme ai propri lettori, insieme a persone con cui si creano legami e a volte anche bellissime amicizie.



Questa è una ricetta che non è una ricetta ma un insieme di ingredienti che sanno esaltarsi a vicenda.
Un po' come noi e voi.
E allora vi dedico questa fresca insalatina d'inverno.
E quando gli ingredienti sono buoni, non c'è bisogno d'altro.
 
Ingredienti:per 4 persone

2 finocchi interi
3 arance Trizzino
olio evo
sale
pepe
pinoli

Tagliate i finocchi a fettine sottili, lavateli e asciugateli. Tenete da parte i ciuffetti verdi più belli. Pelate queste splendide arance, a vivo. Tostate i pinoli e assemblate l'insalata nel piatto con le fettine di finocchio, gli spicchi d'arancia, i cuiffetti, i pinoli tostati e condite con una citronette fatta con olio evo, sale, pepe e succo d'arancia.



lunedì 2 febbraio 2015

E come contorno? Scarola stufata!

Vi capita mai di non sapere cosa preparare come contorno? Soprattutto nei mesi freddi, molte volte i lettori, le amiche mi chiedono cosa preparare. Noi viviamo in terra di radicchi quindi abbiamo una certa scelta di ricette, ma se vi parlassi di scarola, cosa mi direste?
La scarola al Sud si utilizza moltissimo cotta, " 'mbuttunata" ma al Nord di scarole se ne vedono solo in insalata. E allora sapete io cosa faccio? Entrambe le cose.
Il cuoricino più tenero della scarola lo utilizzo per le insalate mentre la parte esterna la preparo stufata con carciofi o cipolle o finocchi. E diventa un contorno ( ma anche un piatto unico) da leccarsi i baffi. E non si butta via nulla!
E' un piatto che mi ricorda tanto mio padre. In inverno era e continua ad essere la sua cena ideale: un piatto di scarola fumante accompagnato ad un pezzettino di formaggio.
Ho provato a continuare questa sana abitudine anche a casa mia (come molte mogli fanno una volta sposate) e devo dire che a mio marito piace molto perchè è una coccola calda e soprattutto sana. E poi anche per chi lavora e torna a casa tardi, è una ricetta velocissima da preparare.
Non mi credete? Seguitemi...




Ingredienti: per 4 persone

2 scarole grandi (la parte esterna)
2 finocchi
1 spicchio d'aglio
olio evo
brodo vegetale o acqua se preferite
sale
pinoli
uvetta
peperoncino (a vostra scelta)

Lavate bene le verdure. Tagliate i finocchi a spicchi e  metteteli in una pentola dove avrete fatto rosolare uno spicchio d'aglio con l'olio. Chiudete con il coperchio e fate appassire la scarola e i finocchi. Aggiungete il sale, l'uvetta e i pinoli. E continuate la cottura per 20 minuti.
La scarola con la sua acqua all'interno si appassirà diventando tenera. Servite con aggiunta di pinoli e accompagnate a ciò che più vi piace.





Ti potrebbe interessare:

Related Posts with Thumbnails