martedì 26 gennaio 2016

Vellutata di ramolaccio nero con carote viola

Conoscete il Ramolaccio nero? (chiamato anche rapa d'inverno.)
Assomiglia ad una rapa con una polpa bianca come la neve e una scorza nera come la pece.
Fa parte della famiglia delle crucifere. E' una varietà di rapa come il ravanello.
Ero curiosa di conoscere qualcosa in più di questo tubero molto raro e così ho consultato i miei tanti libri di scuola che non mi abbandonano mai.
Una piacevole scoperta ricca di tantissime proprietà benefiche e dal gusto piccantino ma non troppo.
Questa rapa contiene principi attivi quali la vitamina B e C e contiene un olio piccante che conferisce un gradevole gusto pungente e un'azione aperitiva e stimolante. Un misto fra il daikon e il rafano.
Ottimo  come rimedio della tosse. In che modo? sotto forma di sciroppo con la polpa lessata della rapa messa a macerare con il miele per una notte.

Rafano, verza, carote viola e ramolaccio: nella mia cucina
 
E in cucina? Ottima cruda, tagliata a lamelle e condita con olio sale e pepe o mescolata all'insalata per un gusto pungente e gradevole.
Oggi ho voluto sperimentarla con i porri, le patate, il rafano per una crema calda e terapeutica.
Questa rapa ha pregi rinfrescanti e organolettici, se è vero che il povero Bertoldo "morì tra aspri duoli per non aver potuto mangiare rape e fagiuoli"



Ingredienti: per 4 persone
1 ramolaccio nero
4 patate medie
3 porri
rafano
500 ml di brodo vegetale
sale e pepe
2 carote viola
olio evo di ottima qualità

Pelate le patate e il ramolaccio con il pelapatate e tagliate la parte interna a pezzetti. Mettete in una pentola con il brodo vegetale, il sale e i porri  lavati e tagliati a lamelle. Aggiungete, per un gusto più pungente, un po' di rafano grattugiato. Fate cuocere per 40 minuti (nel frattempo continuate le vostre cose. Io mentre il brodo cuoceva ho finito di scrivere un'articolo)
Quando i tuberi saranno teneri frullate con il mixer ad immersione e create una vellutata. Servite con olio evo e sfoglie di carota viola (ottenute con il pelapatate). Perché anche l'occhio vuole la sua parte.
E' una vellutata buona, calda, confortante e benefica. Cosa di meglio dopo le feste?

2 commenti:

infuso di riso ha detto...

ciao angela
non lo conoscevo...ecco che è sempre prezioso leggerti per scoprire cose nuove in cucina:-) ..la ricetta sembra intessante....
ti auguro un buon mercoledi
daniela
https://infusodiriso.wordpress.com/

Angela Maci ha detto...

@Ciao Daniela, grazie, auguro una buona giornata anche a te

Ti potrebbe interessare:

Related Posts with Thumbnails